VECCHIA IVA SUI CONTRATTI IN CORSO

― 15 Gennaio 2016

Debutta in Italia la quarta aliquota Iva, fissata nella misura del 5%. Il comma 960 dell’unico articolo della legge di Stabilità 2016 (L. 208/2015) riscrive i primi due commi dell’articolo 16, D.P.R. 633/1972 e introduce una nuo­va sezione della tabella A (Parte II bis). Quindi dal 1° gennaio 2016 abbiamo l’aliquota ordinaria del 22% e tre aliquote ridotte del 4% (tabella A parte seconda), 5% (tabella A parte II bis) e 10% (tabella A parte terza). Dal 1° gennaio la nuova aliquota del 5% si applica per alcune prestazioni, naturalmente esenti ai sensi dell’articolo 10 del decreto Iva, qualora siano effettuate da cooperative sociali e loro consorzi (L. 381/1991) nei confronti di determinati soggetti. Anche se le più titolate sono le cooperative di tipo A, che hanno per oggetto la gestione di servizi socio sanitari ed educativi, non sono escluse quelle di tipo B finalizzate all’inserimento lavorativo. L’ali­quota Iva del 5% riguarda alcune prestazioni sociosanitarie rivolte a favore di anziani, inabili adulti, tossicodipen­denti, malati di Aids, handiccapati psicofisici, minori anche coinvolti in situazioni di disadattamento e devianza, di migranti senza fissa dimora richiedenti asilo, detenuti, donne vittime di tratta a scopo sessuale e lavorativo. Per le prestazioni svolte dal 1° gennaio 2016, a eccezione di quelle derivanti da contratti o convenzioni in corso a tale data, l’applicazione dell’Iva dovrebbe seguire le seguenti regole: prestazioni svolte da cooperative sociali: Iva 5%; prestazioni svolte da altri soggetti, comprese le cooperative di lavoro: Iva 22%, ovvero esente da Iva ai sensi dell’articolo 10 ricorrendone le condizioni.

(Il Sole 24 Ore del 13 gennaio 2016 – Gian Paolo Tosoni pag. 35)

 

Monza e Brianza – Desio 14/01/2016

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci