VARATO IL DECRETO LAVORO

― 29 Giugno 2013

Nel Consiglio dei ministri n. 11 che si è tenuto nella giornata del 26 giugno 2013, sotto la guida del presidente, Enrico Letta, è stato approvato un decreto legge proposto dai ministri del Lavoro, dell’Economia e della Coesione territoriale, avente per oggetto il miglior funzionamento del mercato del lavoro, l’aumento dell’occupazione soprattutto giovanile e il sostegno alle famiglie in difficoltà.
Il provvedimento stanzia 1,5 miliardi di euro finalizzati al rilancio del mercato del lavoro tramite l’incentivo dell’occupazione; 800 milioni di euro sono diretti alla detassazione e secondo le stime del Governo “potrebbero produrre 100 mila occupati”. Altri fondi sono, invece, previsti per favorire l’alternanza studio-lavoro, per incoraggiare gli stage, i tirocini e l’autoimprenditorialità. In tutti questi casi si pensa di attivare al lavoro circa 200mila giovani, di cui 100mila a tempo indeterminato.
Le risorse non saranno immediatamente disponibili, ma stanziate su diverse annualità e, comunque, suddivise tra Mezzogiorno e resto del Paese in modo non equivalente; i fondi maggiori saranno destinati al Sud per l’arco temporale che va dal 2013 (100 milioni di euro) al 2016 (sempre 100 milioni di euro), mentre per il Centro e il Nord le somme saranno decisamente inferiori.
Nell’articolo 1 del Decreto si disciplinano gli incentivi per nuove assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori giovani, come, per esempio, gli under 29 disoccupati, purchè maggiorenni o, in alternativa, disoccupati con più di 50 anni.

I lavoratori, per rientrare in tale categoria, devono possedere almeno uno di questi tre requisiti: il neoassunto deve essere privo di impiego retribuito da non meno di sei mesi; non deve avere conseguito alcun titolo di scuola superiore e deve vivere solo o con una o più persone a carico.

L’incentivo per il datore di lavoro è pari ad un terzo della retribuzione lorda imponibile ai fini previdenziali complessiva per un periodo di 18 mesi e non può superare i 650 euro per lavoratore. Se, invece, il datore di lavoro trasforma un contratto in essere da determinato a “indeterminato”, il periodo di incentivazione è di 12 mesi, sempre a condizione che alla trasformazione faccia seguito l’assunzione del lavoratore.

Importante anche l’impegno per favorire i tirocini, con la messa a disposizione di un fondo di 2 milioni di euro annui per permettere alle amministrazioni, che non abbiano risorse proprie da destinare a tale fine, di corrispondere le indennità per la partecipazione ai tirocini formativi. Al fine, infatti, di creare nuove opportunità di lavoro e di formazione, per ridurre la disoccupazione e l’inattività dei giovani, il provvedimento prevede il finanziamento di un ampio programma di tirocini formativi soprattutto per coloro tra i 18 e i 29 anni che risiedeno nel Mezzogiorno e non lavorano, non studiano e non partecipano ad alcuna attività di formazione.

Il decreto legge interviene poi anche sul capitolo normativo del mercato del lavoro, attraverso alcuni ritocchi alla legge Fornero. Nello specifico, vengono rivisti i contratti a termine, per i quali vengono riportati a 10 e 20 giorni gli intervalli tra i contratti a tempo determinato rispettivamente inferiori o superiori a sei mesi e viene eliminato il divieto di proroga del primo contratto acausale.

Nelle intenzioni dell’esecutivo Letta, anche la proroga a tutto il 2013 della vecchia social card che interessa 425 persone in stato di bisogno e l’attivazione, in via sperimentale, di una carta per l’inclusione sociale, che consentirà di combattere la povertà estrema, rivolta soprattutto alle famiglie del Mezzogiorno. Il provvedimento riguarderà 170mila persone.

 

 

 Monza e Brianza – Desio 29/06/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Forfettari e agevolazione contributiva

Forfettari e agevolazione contributiva

― 2 Febbraio 2024

I soli imprenditori individuali che applicano il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, possono beneficiare di una particolare agevolazione contributiva, che consiste nell’applicazione di una riduzione del 35% alla contribuzione ordinariamente dovuta alle Gestioni artigiani e commercianti Inps, sia sulla contribuzione dovuta sul reddito minimo sia per quella dovuta sulla parte di reddito che eccede il minimale.

Leggi tutto
Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

― 29 Gennaio 2024

L’assolvimento del bollo sulle e-fatture va realizzato in maniera elettronica, secondo quanto dispone l’articolo 6 del decreto ministeriale datato 17 giugno 2014. L’imposta viene calcolata e versata per trimestre. Il calendario ordinario dei versamenti risulta tuttavia modificato, per primo e secondo trimestre, tenuto conto del suo ammontare.

Leggi tutto
Flat tax incrementale per il 2023

Flat tax incrementale per il 2023

― 29 Gennaio 2024

La precedente legge di Bilancio (legge 197/2022) ha previsto la cosiddetta “flat tax incrementale” che, per il solo anno 2023 e nel rispetto di specifiche condizioni, permetterà alle persone fisiche l’applicazione di una imposta sostitutiva del 15% sugli incrementi di reddito conseguiti nel 2023 rispetto al triennio precedente e al…

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci