VARATO IL DECRETO LAVORO

― 29 Giugno 2013

Nel Consiglio dei ministri n. 11 che si è tenuto nella giornata del 26 giugno 2013, sotto la guida del presidente, Enrico Letta, è stato approvato un decreto legge proposto dai ministri del Lavoro, dell’Economia e della Coesione territoriale, avente per oggetto il miglior funzionamento del mercato del lavoro, l’aumento dell’occupazione soprattutto giovanile e il sostegno alle famiglie in difficoltà.
Il provvedimento stanzia 1,5 miliardi di euro finalizzati al rilancio del mercato del lavoro tramite l’incentivo dell’occupazione; 800 milioni di euro sono diretti alla detassazione e secondo le stime del Governo “potrebbero produrre 100 mila occupati”. Altri fondi sono, invece, previsti per favorire l’alternanza studio-lavoro, per incoraggiare gli stage, i tirocini e l’autoimprenditorialità. In tutti questi casi si pensa di attivare al lavoro circa 200mila giovani, di cui 100mila a tempo indeterminato.
Le risorse non saranno immediatamente disponibili, ma stanziate su diverse annualità e, comunque, suddivise tra Mezzogiorno e resto del Paese in modo non equivalente; i fondi maggiori saranno destinati al Sud per l’arco temporale che va dal 2013 (100 milioni di euro) al 2016 (sempre 100 milioni di euro), mentre per il Centro e il Nord le somme saranno decisamente inferiori.
Nell’articolo 1 del Decreto si disciplinano gli incentivi per nuove assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori giovani, come, per esempio, gli under 29 disoccupati, purchè maggiorenni o, in alternativa, disoccupati con più di 50 anni.

I lavoratori, per rientrare in tale categoria, devono possedere almeno uno di questi tre requisiti: il neoassunto deve essere privo di impiego retribuito da non meno di sei mesi; non deve avere conseguito alcun titolo di scuola superiore e deve vivere solo o con una o più persone a carico.

L’incentivo per il datore di lavoro è pari ad un terzo della retribuzione lorda imponibile ai fini previdenziali complessiva per un periodo di 18 mesi e non può superare i 650 euro per lavoratore. Se, invece, il datore di lavoro trasforma un contratto in essere da determinato a “indeterminato”, il periodo di incentivazione è di 12 mesi, sempre a condizione che alla trasformazione faccia seguito l’assunzione del lavoratore.

Importante anche l’impegno per favorire i tirocini, con la messa a disposizione di un fondo di 2 milioni di euro annui per permettere alle amministrazioni, che non abbiano risorse proprie da destinare a tale fine, di corrispondere le indennità per la partecipazione ai tirocini formativi. Al fine, infatti, di creare nuove opportunità di lavoro e di formazione, per ridurre la disoccupazione e l’inattività dei giovani, il provvedimento prevede il finanziamento di un ampio programma di tirocini formativi soprattutto per coloro tra i 18 e i 29 anni che risiedeno nel Mezzogiorno e non lavorano, non studiano e non partecipano ad alcuna attività di formazione.

Il decreto legge interviene poi anche sul capitolo normativo del mercato del lavoro, attraverso alcuni ritocchi alla legge Fornero. Nello specifico, vengono rivisti i contratti a termine, per i quali vengono riportati a 10 e 20 giorni gli intervalli tra i contratti a tempo determinato rispettivamente inferiori o superiori a sei mesi e viene eliminato il divieto di proroga del primo contratto acausale.

Nelle intenzioni dell’esecutivo Letta, anche la proroga a tutto il 2013 della vecchia social card che interessa 425 persone in stato di bisogno e l’attivazione, in via sperimentale, di una carta per l’inclusione sociale, che consentirà di combattere la povertà estrema, rivolta soprattutto alle famiglie del Mezzogiorno. Il provvedimento riguarderà 170mila persone.

 

 

 Monza e Brianza – Desio 29/06/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Regime agevolato impatriati (art. 16 D.Lgs. 147/2015)

Regime agevolato impatriati (art. 16 D.Lgs. 147/2015)

― 27 Ottobre 2022

I redditi di lavoro dipendente, i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e i redditi di lavoro autonomo prodotti in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio dello Stato ai sensi dell'articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.

Leggi tutto
Esenzione  IMU per i coniugi con residenze diverse

Esenzione IMU per i coniugi con residenze diverse

― 21 Ottobre 2022

Arriva l’esenzione Imu “estesa” per i coniugi che hanno la dimora abituale in due abitazioni differenti site nello stesso Comune o in Comuni diversi.

Leggi tutto
Bonus 200 euro per partite IVA

Bonus 200 euro per partite IVA

― 15 Settembre 2022

Le domande per l'indennità una tantum di 200 euro per autonomi e professionisti potranno essere presentate non prima del 20 settembre e sino al 30 novembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci