UNICO 2015 E COSTI BLACK LIST

― 17 Settembre 2015

Costi con fornitori black list alla prova di Unico 2015. In attesa dell’entrata in vigore delle modifiche introdotte dal decreto internazionalizzazione, le imprese si trovano per l’ultima volta a effettuare i controlli per la dedu­cibilità dei costi derivanti da operazioni con soggetti localizzati in Stati a fiscalità privilegiata. In base all’attuale versione dell’art.110 (prima quindi delle modifiche del decreto internazionalizzazione), i costi black list non sono deducibili, a meno che l’impresa italiana non sia in grado di dimostrare, alternativamente, che il fornitore svolge un’effettiva attività commerciale ovvero che le operazioni sono state concretamente eseguite e rispondono a un effettivo interesse economico (art.110, commi da 10 a 12-bis del Tuir). La Legge di stabilità per il 2015 ha revisio­nato i criteri per individuare gli Stati a fiscalità privilegiata, prevedendo l’emanazione di una lista redatta avendo come presupposto unicamente l’assenza di un adeguato scambio di informazioni (art.1, co.678, L. n.190/14). In attuazione della norma, il Decreto del 27 aprile 2015 ha modificato la lista del 2002, eliminando quegli Stati che, pur prevedendo una fiscalità di favore, hanno stipulato con l’Italia un accordo per lo scambio di informazione già in vigore. Pertanto, una serie di Paesi considerati black list nel 2014 (ad esempio Malaysia, Singapore, Emirati Arabi), non lo sono più dal 2015. Indipendentemente dalla sussistenza delle prove per disapplicare la disciplina, è poi necessario indicare separatamente i componenti negativi nel modello Unico, tramite una variazione in aumento da apportare al rigo RF29.

(Il Sole 24 Ore del 15 settembre 2015 – Giacomo Albano pag. 40)

 

 

Monza e Brianza – Desio 17/09/2015

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Forfettari e agevolazione contributiva

Forfettari e agevolazione contributiva

― 2 Febbraio 2024

I soli imprenditori individuali che applicano il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, possono beneficiare di una particolare agevolazione contributiva, che consiste nell’applicazione di una riduzione del 35% alla contribuzione ordinariamente dovuta alle Gestioni artigiani e commercianti Inps, sia sulla contribuzione dovuta sul reddito minimo sia per quella dovuta sulla parte di reddito che eccede il minimale.

Leggi tutto
Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

― 29 Gennaio 2024

L’assolvimento del bollo sulle e-fatture va realizzato in maniera elettronica, secondo quanto dispone l’articolo 6 del decreto ministeriale datato 17 giugno 2014. L’imposta viene calcolata e versata per trimestre. Il calendario ordinario dei versamenti risulta tuttavia modificato, per primo e secondo trimestre, tenuto conto del suo ammontare.

Leggi tutto
Flat tax incrementale per il 2023

Flat tax incrementale per il 2023

― 29 Gennaio 2024

La precedente legge di Bilancio (legge 197/2022) ha previsto la cosiddetta “flat tax incrementale” che, per il solo anno 2023 e nel rispetto di specifiche condizioni, permetterà alle persone fisiche l’applicazione di una imposta sostitutiva del 15% sugli incrementi di reddito conseguiti nel 2023 rispetto al triennio precedente e al…

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci