TRASFERIMENTO DELLA DETRAZIONE 36% – 50%

― 9 Maggio 2013

Il comma 8 del citato art. 16-bis, disciplina le ipotesi di decesso del soggetto beneficiario della detrazione ovvero di trasferimento (a seguito di cessione / donazione) dell’immobile sul quale sono stati eseguiti gli interventi che attribuiscono il diritto alla detrazione.

 Decesso del beneficiario della detrazione

 In caso di decesso del soggetto beneficiario della detrazione le rate residue si trasferiscono, per intero, esclusivamente all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta dell’immobile. In merito va evidenziato che:

–         la detenzione materiale e diretta sussiste qualora l’erede assegnatario possa disporre del bene immediatamente e liberamente e “a proprio piacimento, quando lo desideri”, a prescindere dalla circostanza che abbia o meno adibito lo stesso a propria abitazione principale;

–         qualora la detenzione sia esercitata congiuntamente da più eredi, la detrazione può essere ripartita tra gli stessi in parti uguali;

–         non ha diritto alla detrazione residua: il coniuge superstite che ha rinunciato all’eredità e mantiene sull’immobile il solo diritto di abitazione in qualità di legatario ex lege, avendo perso la qualità di erede.

 Gli eredi usufruiscono delle rate residue di detrazione già a decorrere dall’anno del decesso, come evidenziato dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare 12.5.2000, n. 95/E.

Pertanto, nel caso in cui il decesso sia avvenuto nel 2012, l’erede usufruisce della detrazione già per il 2012 e pertanto dovrà riportarla nel proprio mod. UNICO 2013 PF e non nella dichiarazione del de cuius presentata da parte degli eredi.

 Cessione/donazione/permuta dell’immobile

 Nel caso in cui l’immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi di recupero venga ceduto, l’agevolazione non utilizzata in tutto o in parte:

–         è trasferita all’acquirente dell’immobile, in assenza di specifiche indicazioni nell’atto di compravendita;

–         rimane in capo al cedente, in caso di accordo con l’acquirente. A tal fine è necessario che nell’atto di cessione sia espressamente indicata la volontà delle parti.

 Le stesse considerazioni sopra evidenziate sono applicabili “in tutte le ipotesi in cui si ha una cessione dell’immobile, anche nelle cessioni a titolo gratuito”, e pertanto anche in presenza di donazione o permuta.

 Inoltre, il trasferimento della detrazione si realizza anche qualora, in presenza di un immobile in comproprietà, uno dei comproprietari ceda all’altro la propria quota, con il conseguente consolidamento del diritto di proprietà in capo all’acquirente che diventa proprietario esclusivo dell’immobile (è il caso, ad esempio, dell’immobile in comproprietà al 50% tra 2 soggetti, di cui uno cede all’altro la propria quota).

 Riassumendo le ultime modifiche normative si evidenzia che:

–         per gli atti perfezionati fino al 16.9.2011, le rate residue della detrazione “passavano” automaticamente all’acquirente, senza alcuna possibilità di deroga;

–         per gli atti perfezionati dal 17.9 al 31.12.2011, le parti potevano scegliere liberamente il mantenimento della detrazione residua in capo al cedente ovvero il trasferimento della stessa all’acquirente;

–         per gli atti perfezionati dal 2012 il trasferimento della detrazione residua, come sopra accennato, passa all’acquirente, salvo diverso accordo delle parti.

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

― 14 Giugno 2022

Per i crediti derivanti da bonus edilizi e relativi alle comunicazioni di opzione (per la cessione o lo sconto in fattura) inviate dal 1° maggio, fornitori e cessionari sono tenuti a comunicare preventivamente tramite la piattaforma cessione crediti la scelta irrevocabile di fruizione in compensazione, con riferimento a ciascuna rata…

Leggi tutto
Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

― 10 Giugno 2022

Andranno presentate all’Inps entro il 30 giugno le domande per l’assegno unico universale recuperando gli arretrati dallo scorso marzo, mese in cui è diventato operativo il sostegno economico alle famiglie introdotto dal Dlgs 230/2021. Per le domande dal 1° luglio, infatti, l’assegno verrà riconosciuto dal mese dopo.

Leggi tutto
IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

― 10 Giugno 2022

A partire dall’acconto Imu di quest’anno, in presenza di coniugi con residenze separate, solo uno dei due immobili potrà beneficiare dell’esenzione per abitazione principale, a scelta dei contribuenti. Non rileva il fatto che le case siano ubicate in comuni diversi o nello stesso comune.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci