RIVALUTAZIONE BENI AZIENDALI

― 25 Ottobre 2013

Nuova chance per la rivalutazione dei beni d’impresa, incluse le partecipazioni di controllo e collegamento. L’art.6 della legge di stabilità consente a tutte le imprese non Ias, in regime di contabilità ordinaria o semplifi­cata, di rivalutare, con effetti civili e fiscali, i beni materiali e immateriali mediante il pagamento sui maggiori valori di una imposta sostitutiva dell’Irpef/Ires (ed eventuali addizionali) e dell’Irap nella misura del 16% sui beni ammortizzabili e del 12% sugli altri beni. La rivalutazione va eseguita nel bilancio dell’esercizio successivo a quel­lo in corso al 31 dicembre 2012 e non può riguardare i cosiddetti beni merce. A differenza dell’ultima legge di rivalutazione (D.L. n.185/08) non è consentita la mera rivalutazione civilistica dei beni. Possono fruire della nor­ma anche gli enti non commerciali in relazione al patrimonio destinato all’attività d’impresa e le società ed enti non residenti relativamente alle stabili organizzazioni possedute nel territorio dello Stato. La norma richiama, in quanto compatibili, le previsioni della rivalutazione di cui alla L. n.342/00 e i decreti di attuazione dell’epoca, incluso l’art.14 di quella legge. Ne deriva che non solo è consentita la rivalutazione ma anche il riallineamento del valore fiscale dei beni ai maggiori valori iscritti in bilancio. La legge di stabilità prevede che il riallineamento possa essere adottato anche dai soggetti Ias adopter, peraltro con un campo di applicazione più ampio in quanto possono essere riallineati anche i maggiori valori relativi alle partecipazioni costituenti immobilizzazioni finan­ziarie (anche non di controllo o collegamento) ai sensi del Tuir. Si tratta quindi di tutte le partecipazioni, diverse da quelle detenute per la negoziazione. Per l’importo corrispondente ai maggiori valori riallineati deve essere vincolata una riserva che, ai fini fiscali, costituisce riserva in sospensione di imposta. Questa riserva può essere affrancata mediante il pagamento dell’imposta sostitutiva del 10%.

(Il Sole 24 Ore del 21 ottobre 2013 – Luca Miele pag. 22)

 

 

Monza e Brianza – Desio 25/10/2013

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Decreto Sostegni – ulteriori interventi in materia di riscossione

Decreto Sostegni – ulteriori interventi in materia di riscossione

― 30 Marzo 2021

Pagamento cartelle, avvisi di addebito e accertamenti Differimento al 30 aprile 2021 del termine di sospensione per il versamento delle entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione.

Leggi tutto
Decreto Sostegni – Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

Decreto Sostegni – Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

― 20 Marzo 2021

Contributi a fondo perduto per circa 3 milioni di imprese e professionisti che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato medio mensile rispetto al 2019.

Leggi tutto
730/2021 Obbligo di tracciabilità del pagamento delle spese ai fini della detrazione

730/2021 Obbligo di tracciabilità del pagamento delle spese ai fini della detrazione

― 16 Marzo 2021

I commi 679 e 680 della Legge di Bilancio 2020 , dispongono che, ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, la detrazione dall'imposta lorda nella misura del 19 % degli oneri spetta a condizione che l'onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili, a decorrere dal…

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci