RIMBORSO E COMPENSAZIONE CREDITO IVA TRIMESTRALE

― 4 Ottobre 2013

Al termine di ogni trimestre solare (primo, secondo o terzo), i contribuenti che hanno maturato nel trimestre stesso un credito IVA di importo superiore a 2.582,28 euro, possono chiederne in tutto o in parte il rimborso ovvero l’utilizzo in compensazione anche con altri tributi, contributi e premi, ai sensi dell’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241.

Il credito Iva infrannuale può essere richiesto a rimborso:

–         dai contribuenti che esercitano esclusivamente o prevalentemente attività che comportano operazioni soggette a IVA con aliquote inferiori a quelle dell’imposta relativa agli acquisti e alle importazioni;

–         dai contribuenti che effettuano operazioni non imponibili (articoli 8, 8-bis e 9 del D.P.R. n. 633/1972) per un ammontare superiore al 25% del totale complessivo di tutte le operazioni effettuate;

–         dai contribuenti che hanno effettuato nel trimestre acquisti e importazioni di beni ammortizzabili per un ammontare superiore ai 2/3 del totale degli acquisti e delle importazioni imponibili;

–         dai soggetti non residenti e senza stabile organizzazione nel territorio dello Stato, identificati direttamente (articolo 35-ter del D.P.R. n. 633/1972) o che hanno nominato un rappresentante residente nel territorio dello Stato;

–         dai soggetti che effettuano in un trimestre solare, nei confronti di soggetti passivi non stabiliti in Italia, operazioni attive per un importo superiore al 50% di tutte le operazioni effettuate, riferite alle seguenti attività: prestazioni di lavorazione relative a beni mobili materiali; prestazioni di trasporto di beni e relative prestazioni di intermediazione; prestazioni di servizi accessori ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione; prestazioni indicate nell’articolo 19, comma 3, lettera a-bis del D.P.R. n. 633/1972 (articolo 8 della legge comunitaria n. 217/2011).

Se, in alternativa alla richiesta di rimborso, si chiede l’utilizzo in compensazione del credito Iva, occorre tener conto del fatto che, in linea generale, l’utilizzo in compensazione del credito infrannuale è consentito solo dopo la presentazione dell’istanza.

Il superamento, inoltre, del limite di 5.000 euro annui, riferito all’ammontare complessivo dei crediti trimestrali maturati nell’anno, comporta l’obbligo di utilizzare i predetti crediti a partire dal sedicesimo giorno del mese successivo a quello di presentazione dell’istanza di rimborso/compensazione.

Inoltre, per la compensazione devono essere utilizzati esclusivamente i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Fisconline o Entratel).

La richiesta di rimborso o utilizzo in compensazione deve essere effettuata in via telematica entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento mediante il modello IVA TR.

Qualora il termine sopra indicato scada di sabato o in un giorno festivo lo stesso è prorogato al primo giorno feriale successivo.

 

 

Monza e Brianza – Desio 04/10/2013

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Recupero canone Rai 2021 per bar, ristoranti e alberghi

Recupero canone Rai 2021 per bar, ristoranti e alberghi

― 26 Gennaio 2022

La risoluzione 6/E/2022  ha creato il codice tributo «6958», che consente di “riottenere” sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione in F24 il canone speciale Rai 2021 per cui il primo decreto Sostegni (Dl 41/2021) ha previsto l’esonero.

Leggi tutto
Limite utilizzo del contante: 1.000 euro dal 1 gennaio 2022

Limite utilizzo del contante: 1.000 euro dal 1 gennaio 2022

― 19 Gennaio 2022

A decorrere dall'1 gennaio 2022 scatta la riduzione da 2.000 a 1.000 euro della soglia per il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o valuta estera e la conseguente rimodulazione del minimo edittale delle sanzioni per i trasferimenti del contante in misura superiore al limite.…

Leggi tutto
Prestazioni occasionali – comunicazione preventiva all’Ispettorato del Lavoro

Prestazioni occasionali – comunicazione preventiva all’Ispettorato del Lavoro

― 13 Gennaio 2022

Nell'ambito del c.d. "Decreto Fiscale" il Legislatore ha introdotto un nuovo obbligo di comunicazione a carico dei soggetti che impiegano lavoratori autonomi occasionali finalizzato allo svolgimento di attività di monitoraggio e di contrasto a forme elusive.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci