RIFORMA DEL CONDOMINIO, L’AMMINISTRATORE

― 26 Aprile 2013

La riforma del condominio, che entrerà in vigore il 18.06.2013, prevede tra l’altro che si renda necessaria la maggioranza dei 4/5 dei partecipanti alle assemblee e del valore dell’immobile per modificare le destinazioni di utilizzo delle parti comuni.

La nomina dell’amministratore risulta obbligatoria quando i condòmini sono in numero superiore a 8. A tale proposito vale il numero dei proprietari, non quello degli alloggi

La legge di riforma del condomino  prevede, tra l’altro, un maggior numero di doveri per l’amministratore.  Egli dovrà, in particolare, conservare i documenti urbanistici e di sicurezza degli impianti e seguire le nuove regole di redazione del rendiconto condominiale annuale.

La riforma del condominio, con la creazione dell’anagrafe condominiale, ha di fatto cancellato il cosiddetto condomino “apparente”, ossia chi, con dichiarazioni e comportamenti, anche univoci, ingenerava nell’amministratore il ragionevole convincimento di essere l’effettivo proprietario.

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci