REVERSE CHARGE LEGATO AL CODICE ATTIVITA’

― 1 Aprile 2015

Per individuare le prestazioni soggette a reverse charge bisogna fare riferimento solo alla loro natura, senza te­nere conto dell’attività normalmente svolta dal prestatore. Il rinvio ai codici Ateco è quindi rivolto a individuare in senso oggettivo la tipologia della prestazione e non quella del prestatore. Vengono poi individuati gli specifici codici attività (e, di conseguenza, le prestazioni) rilevanti e forniti chiarimenti in merito al concetto di edificio, all’estraneità delle cessioni di beni con posa in opera dal reverse charge e alla presenza di contratti che preveda­no un insieme eterogeneo di prestazioni. Mentre la risposta al question time dello scorso 19 marzo non era par­sa dirimente, per lo meno data la sua formulazione, la Circolare n.14/E/15 è assolutamente chiara nell’affermare che la tabella Ateco 2007 serve per individuare le prestazioni da assoggettare a reverse charge, e non i codici attività dei prestatori, ai quali non è pertanto richiesto di appartenere al “settore edile”. L’Agenzia delle Entrate fornisce un elenco – che pare intendersi tassativo – di codici attività “rilevanti” ai fini del reverse charge: se un servizio ricade in uno di quelli forniti all’interno di queste attività allora si applica il reverse. Per quanto riguarda il significato del termine “edifici”, l’Agenzia ha chiarito che sono da intendersi tali i soli fabbricati, così come definiti dall’art.2 D.Lgs. n.192/05 e dalla Risoluzione n.46/98, e non i beni rientranti nella (più ampia) categoria dei beni immobili. Restano, ad esempio, escluse dal reverse charge le prestazioni relative al suolo, parcheggi e piscine (salvo che questi siano incorporati nell’edificio).

(Il Sole 24 Ore del 1 aprile 2015 – Matteo Balzanelli e Massimo Sirri pag. 32)

 

Monza e Brianza – Desio 01/04/2015

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edicole

Bonus edicole

― 1 Ottobre 2020

Nell'ambito del c.d. "Decreto Rilancio" (art. 189, comma 1, DL n.

Leggi tutto
Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci