RAVVEDIMENTO OPEROSO PER I VERSAMENTI FISCALI IN RITARDO

― 19 Luglio 2013

Per i distratti e i ritardatari resta l`opzione del “ravvedimento operoso”(art. 13 del Dlgs n. 472 del 1997) che consente di regolarizzare versamenti di imposte omessi o insufficienti e altre irregolarita` fiscali, beneficiando della riduzione delle sanzioni.

Il ravvedimento e` consentito a tutti i contribuenti ma e` necessario che:

–         la violazione non sia gia` stata constatata e notificata a chi l`ha commessa,

–         non siano iniziati accessi, ispezioni e verifiche (in caso contrario, il ravvedimento e` inibito per i periodi e i tributi che sono oggetto di controllo);

–         non siano iniziate altre attivita` di accertamento (notifica di inviti a comparire, richiesta di esibizione di documenti, invio di questionari) formalmente comunicate all`autore.

L`omesso o insufficiente pagamento delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi e dell`Iva, nonche` l`omesso o insufficiente versamento delle ritenute alla fonte operate dal sostituto d`imposta, possono essere regolarizzati eseguendo spontaneamente il pagamento:

–         dell`imposta dovuta;

–         degli interessi, calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito;

–         della sanzione in misura ridotta.

Il ravvedimento non e` valido se manca il pagamento anche di uno solo degli importi dovuti (imposta, interessi, sanzioni).

Non e` consentito pagare a rate le somme dovute per effetto del ravvedimento. E`, invece, possibile effettuare la compensazione con eventuali crediti d`imposta vantati per i tributi per i quali e` ammessa (per esempio, Irpef, Iva, Ires, ecc.).

Per le violazioni commesse dal 1° febbraio 2011 la sanzione e` pari:

–         allo 0,2% per ogni giorno di ritardo, se il versamento dell`imposta e` effettuato entro quattordici giorni dalla scadenza e allo stesso si accompagna quello, spontaneo, dei relativi interessi legali e della sanzione entro il termine di trenta giorni dalla scadenza.

–         al 3%, se il pagamento viene eseguito entro 30 giorni dalla scadenza prescritta (ravvedimento breve)

–         al 3,75%, se si paga con un ritardo superiore a 30 giorni ma entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all`anno d`imposta in cui la violazione e` stata commessa (ravvedimento lungo) .

Per i versamenti occorre utilizzare:

–         il modello F24, per le imposte sui redditi, le relative imposte sostitutive, l`Iva, l`Irap e l`imposta sugli intrattenimenti;

–         il modello F23, per l`imposta di registro e gli altri tributi indiretti.

Gli interessi devono essere indicati nel modello F24 utilizzando gli appositi codici tributo. Quelli sulle ritenute vanno invece versati dai sostituti d`imposta sommandoli al tributo.

 

 

Monza e Brianza – Desio 19/07/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Forfettari e concordato preventivo biennale

Forfettari e concordato preventivo biennale

― 19 Marzo 2024

Tra le novità introdotte in attuazione della Riforma fiscale si riscontra l'introduzione della disciplina del concordato preventivo biennale (CPB) a favore dei "contribuenti di minori dimensioni". L'accesso al concordato, previa adesione alla proposta formulata dall'Agenzia delle Entrate, è riservato non solo ai soggetti ISA ma anche ai contribuenti forfetari.

Leggi tutto
Forfettari e agevolazione contributiva

Forfettari e agevolazione contributiva

― 2 Febbraio 2024

I soli imprenditori individuali che applicano il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, possono beneficiare di una particolare agevolazione contributiva, che consiste nell’applicazione di una riduzione del 35% alla contribuzione ordinariamente dovuta alle Gestioni artigiani e commercianti Inps, sia sulla contribuzione dovuta sul reddito minimo sia per quella dovuta sulla parte di reddito che eccede il minimale.

Leggi tutto
Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

― 29 Gennaio 2024

L’assolvimento del bollo sulle e-fatture va realizzato in maniera elettronica, secondo quanto dispone l’articolo 6 del decreto ministeriale datato 17 giugno 2014. L’imposta viene calcolata e versata per trimestre. Il calendario ordinario dei versamenti risulta tuttavia modificato, per primo e secondo trimestre, tenuto conto del suo ammontare.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci