PROMOTORI FINANZIARI CON IVA

― 27 Settembre 2013

Dal 1° gennaio 2013 i servizi di gestione dei portafogli individuali e le relative provvigioni di intermediazione non sono più esenti ai fini Iva. Questo è quanto emerge dalla sentenza del 19 luglio 2012, causa C-44/11, emessa dalla Corte di Giustizia europea.

Nello specifico la Corte europea, nel contenzioso che ha visto coinvolta la Deutsche Bank, ha sancito che i servizi di gestione di portafogli individuali non rientrano tra i servizi esenti previsti dalla Direttiva 2006/112/CE.

Tale modifica è stata recepita nel nostro ordinamento con la Legge di Stabilità 2013 la quale ha espunto i suddetti servizi da quelli esenti da Iva ai sensi dell’art. 10, comma 1, n. 4) del D.P.R. 633/1972, con conseguente assoggettamento ad aliquota ordinaria. Considerato il mutato regime Iva per i servizi di gestione viene meno, di conseguenza, anche il regime di esenzione ai sensi dell’art. 10, c.o 1, n.9) del D.P.R. n.633/1972 per le prestazioni di mandato, mediazione e intermediazione.

Fino allo scorso anno la presenza totale o rilevante di provvigioni esenti non consentiva al promotore finanziario di detrarre l’Iva corrisposta sugli acquisti; con il mutato regime si apre uno spiraglio positivo in tal senso per tutti gli acquisti effettuati a partire dal 2013 con l’ulteriore possibilità, in sede di dichiarazione IVA, di ricorrere alla rettifica della detrazione dell’imposta corrisposta sugli acquisti pregressi di beni ammortizzabili.

Pertanto, dal 2013 i promotori finanziari:

–         dovranno applicare l’Iva sulle fatture relative alle provvigioni maturate sui servizi di gestione dei portafogli individuali, senza più apporvi la marca da bollo da 2 euro (in precedenza 1,81 euro) per gli importi superiori a 77,47 euro;

–         potranno recuperare, a seguito del mutamento normativo, l’Iva corrisposta sui beni ammortizzabili acquistati negli anni pregressi in cui permaneva una totale esenzione, rettificandola in detrazione con riferimento a tanti quinti dell’imposta mancanti al compimento del quinquennio (decennio in caso di beni immobili) dalla loro entrata in funzione;

–         potranno detrarre l’Iva corrisposta sugli acquisti, ricorrendo anche al pro-rata nel caso, assai diffuso, in cui percepiscano sia provvigioni esenti che imponibili.

 

Considerata l’esenzione totale degli anni pregressi è evidente che, ove ci si trovasse a fatturare operazioni attive imponibili soltanto dal 2013, l’Iva sugli acquisti potrà essere recuperata in sede di liquidazione annuale, dovendosi applicare in corso d’anno il pro-rata provvisorio dell’anno precedente (pari a zero).

In alternativa al pro-rata, ai sensi dell’art. 36 del D.P.R. 633/1972, i promotori che contemporaneamente effettuano attività esenti e attività imponibili potranno optare, a partire dal 1° gennaio 2013, per la separazione dell’attività ai fini Iva.

Tale opzione permette di detrarre l’imposta sugli acquisti correlati alle provvigioni imponibili mantenendone l’indetraibilità su quelli legati alle provvigioni esenti. Non è ammessa, invece, la detrazione sui beni non ammortizzabili acquistati e utilizzabili promiscuamente (nessuna limitazione appare intervenire per gli acquisti di servizi).

 

 

Monza e Brianza – Desio 27/09/2013

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edicole

Bonus edicole

― 1 Ottobre 2020

Nell'ambito del c.d. "Decreto Rilancio" (art. 189, comma 1, DL n.

Leggi tutto
Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci