PROMOTORI FINANZIARI CON IVA

― 27 Settembre 2013

Dal 1° gennaio 2013 i servizi di gestione dei portafogli individuali e le relative provvigioni di intermediazione non sono più esenti ai fini Iva. Questo è quanto emerge dalla sentenza del 19 luglio 2012, causa C-44/11, emessa dalla Corte di Giustizia europea.

Nello specifico la Corte europea, nel contenzioso che ha visto coinvolta la Deutsche Bank, ha sancito che i servizi di gestione di portafogli individuali non rientrano tra i servizi esenti previsti dalla Direttiva 2006/112/CE.

Tale modifica è stata recepita nel nostro ordinamento con la Legge di Stabilità 2013 la quale ha espunto i suddetti servizi da quelli esenti da Iva ai sensi dell’art. 10, comma 1, n. 4) del D.P.R. 633/1972, con conseguente assoggettamento ad aliquota ordinaria. Considerato il mutato regime Iva per i servizi di gestione viene meno, di conseguenza, anche il regime di esenzione ai sensi dell’art. 10, c.o 1, n.9) del D.P.R. n.633/1972 per le prestazioni di mandato, mediazione e intermediazione.

Fino allo scorso anno la presenza totale o rilevante di provvigioni esenti non consentiva al promotore finanziario di detrarre l’Iva corrisposta sugli acquisti; con il mutato regime si apre uno spiraglio positivo in tal senso per tutti gli acquisti effettuati a partire dal 2013 con l’ulteriore possibilità, in sede di dichiarazione IVA, di ricorrere alla rettifica della detrazione dell’imposta corrisposta sugli acquisti pregressi di beni ammortizzabili.

Pertanto, dal 2013 i promotori finanziari:

–         dovranno applicare l’Iva sulle fatture relative alle provvigioni maturate sui servizi di gestione dei portafogli individuali, senza più apporvi la marca da bollo da 2 euro (in precedenza 1,81 euro) per gli importi superiori a 77,47 euro;

–         potranno recuperare, a seguito del mutamento normativo, l’Iva corrisposta sui beni ammortizzabili acquistati negli anni pregressi in cui permaneva una totale esenzione, rettificandola in detrazione con riferimento a tanti quinti dell’imposta mancanti al compimento del quinquennio (decennio in caso di beni immobili) dalla loro entrata in funzione;

–         potranno detrarre l’Iva corrisposta sugli acquisti, ricorrendo anche al pro-rata nel caso, assai diffuso, in cui percepiscano sia provvigioni esenti che imponibili.

 

Considerata l’esenzione totale degli anni pregressi è evidente che, ove ci si trovasse a fatturare operazioni attive imponibili soltanto dal 2013, l’Iva sugli acquisti potrà essere recuperata in sede di liquidazione annuale, dovendosi applicare in corso d’anno il pro-rata provvisorio dell’anno precedente (pari a zero).

In alternativa al pro-rata, ai sensi dell’art. 36 del D.P.R. 633/1972, i promotori che contemporaneamente effettuano attività esenti e attività imponibili potranno optare, a partire dal 1° gennaio 2013, per la separazione dell’attività ai fini Iva.

Tale opzione permette di detrarre l’imposta sugli acquisti correlati alle provvigioni imponibili mantenendone l’indetraibilità su quelli legati alle provvigioni esenti. Non è ammessa, invece, la detrazione sui beni non ammortizzabili acquistati e utilizzabili promiscuamente (nessuna limitazione appare intervenire per gli acquisti di servizi).

 

 

Monza e Brianza – Desio 27/09/2013

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Recupero canone Rai 2021 per bar, ristoranti e alberghi

Recupero canone Rai 2021 per bar, ristoranti e alberghi

― 26 Gennaio 2022

La risoluzione 6/E/2022  ha creato il codice tributo «6958», che consente di “riottenere” sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione in F24 il canone speciale Rai 2021 per cui il primo decreto Sostegni (Dl 41/2021) ha previsto l’esonero.

Leggi tutto
Limite utilizzo del contante: 1.000 euro dal 1 gennaio 2022

Limite utilizzo del contante: 1.000 euro dal 1 gennaio 2022

― 19 Gennaio 2022

A decorrere dall'1 gennaio 2022 scatta la riduzione da 2.000 a 1.000 euro della soglia per il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o valuta estera e la conseguente rimodulazione del minimo edittale delle sanzioni per i trasferimenti del contante in misura superiore al limite.…

Leggi tutto
Prestazioni occasionali – comunicazione preventiva all’Ispettorato del Lavoro

Prestazioni occasionali – comunicazione preventiva all’Ispettorato del Lavoro

― 13 Gennaio 2022

Nell'ambito del c.d. "Decreto Fiscale" il Legislatore ha introdotto un nuovo obbligo di comunicazione a carico dei soggetti che impiegano lavoratori autonomi occasionali finalizzato allo svolgimento di attività di monitoraggio e di contrasto a forme elusive.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci