PIU’ CONTROLLI PER I SINDACI DI SOCIETA’

― 8 Novembre 2013

I giudici diventano più esigenti nei confronti dei sindaci di società, pretendendo controlli sempre più accurati. Da ultimo la Cassazione – con la sentenza n.23223 depositata il 14 ottobre scorso – ha ritenuto il collegio re­sponsabile per la mancata vigilanza sull’operato degli amministratori, ribadendo l’esistenza di una respon­sabilità per omesso controllo sui principi di corretta amministrazione. Sullo stesso tema si registrano inoltre numerose e conformi pronunce che inducono i sindaci a prestare molta attenzione nello svolgimento dei propri compiti, se vogliono scongiurare il rischio di essere chiamati in causa. L’articolo 2403 c.c., infatti, pre­vede che il Collegio sindacale debba vigilare sull’osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei prin­cipi di corretta amministrazione e in particolare sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo concreto funzionamento. In caso di omesso controllo sull’opera­to degli amministratori, dunque, il sindaco potrebbe essere chiamato a rispondere in via concorrente di un atto illecito materialmente commesso da un altro soggetto (l’amministratore) che doveva essere controllato. Occorre tuttavia fare una precisazione. I sindaci non devono soltanto controllare l’operato degli amministratori. Di fatto, proprio a causa dell’amplissimo contenuto del dovere di controllo gravante sui sindaci, la responsabilità può derivare anche da deliberazioni dell’assemblea o da fatti posti in essere da altri soggetti che operano nella società, come ad esempio il revisore contabile o la società di revisione, il direttore generale, quello del personale o quello amministrativo. Infatti, ove il collegio sindacale rilevi un’inosservanza commessa da uno di tali altri sog­getti, avrebbe comunque l’obbligo di relazionare in merito agli amministratori, sollecitando un intervento per il ripristino della situazione di legittimità.

(Il Sole 24 Ore del 2 novembre 2013 – Rosanna Acierno pag. 1 N&T)

 

 

Monza e Brianza – Desio 08/11/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Forfettari e concordato preventivo biennale

Forfettari e concordato preventivo biennale

― 19 Marzo 2024

Tra le novità introdotte in attuazione della Riforma fiscale si riscontra l'introduzione della disciplina del concordato preventivo biennale (CPB) a favore dei "contribuenti di minori dimensioni". L'accesso al concordato, previa adesione alla proposta formulata dall'Agenzia delle Entrate, è riservato non solo ai soggetti ISA ma anche ai contribuenti forfetari.

Leggi tutto
Forfettari e agevolazione contributiva

Forfettari e agevolazione contributiva

― 2 Febbraio 2024

I soli imprenditori individuali che applicano il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, possono beneficiare di una particolare agevolazione contributiva, che consiste nell’applicazione di una riduzione del 35% alla contribuzione ordinariamente dovuta alle Gestioni artigiani e commercianti Inps, sia sulla contribuzione dovuta sul reddito minimo sia per quella dovuta sulla parte di reddito che eccede il minimale.

Leggi tutto
Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

― 29 Gennaio 2024

L’assolvimento del bollo sulle e-fatture va realizzato in maniera elettronica, secondo quanto dispone l’articolo 6 del decreto ministeriale datato 17 giugno 2014. L’imposta viene calcolata e versata per trimestre. Il calendario ordinario dei versamenti risulta tuttavia modificato, per primo e secondo trimestre, tenuto conto del suo ammontare.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci