PIU’ CONTROLLI PER I SINDACI DI SOCIETA’

― 8 Novembre 2013

I giudici diventano più esigenti nei confronti dei sindaci di società, pretendendo controlli sempre più accurati. Da ultimo la Cassazione – con la sentenza n.23223 depositata il 14 ottobre scorso – ha ritenuto il collegio re­sponsabile per la mancata vigilanza sull’operato degli amministratori, ribadendo l’esistenza di una respon­sabilità per omesso controllo sui principi di corretta amministrazione. Sullo stesso tema si registrano inoltre numerose e conformi pronunce che inducono i sindaci a prestare molta attenzione nello svolgimento dei propri compiti, se vogliono scongiurare il rischio di essere chiamati in causa. L’articolo 2403 c.c., infatti, pre­vede che il Collegio sindacale debba vigilare sull’osservanza della legge e dello statuto, sul rispetto dei prin­cipi di corretta amministrazione e in particolare sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo concreto funzionamento. In caso di omesso controllo sull’opera­to degli amministratori, dunque, il sindaco potrebbe essere chiamato a rispondere in via concorrente di un atto illecito materialmente commesso da un altro soggetto (l’amministratore) che doveva essere controllato. Occorre tuttavia fare una precisazione. I sindaci non devono soltanto controllare l’operato degli amministratori. Di fatto, proprio a causa dell’amplissimo contenuto del dovere di controllo gravante sui sindaci, la responsabilità può derivare anche da deliberazioni dell’assemblea o da fatti posti in essere da altri soggetti che operano nella società, come ad esempio il revisore contabile o la società di revisione, il direttore generale, quello del personale o quello amministrativo. Infatti, ove il collegio sindacale rilevi un’inosservanza commessa da uno di tali altri sog­getti, avrebbe comunque l’obbligo di relazionare in merito agli amministratori, sollecitando un intervento per il ripristino della situazione di legittimità.

(Il Sole 24 Ore del 2 novembre 2013 – Rosanna Acierno pag. 1 N&T)

 

 

Monza e Brianza – Desio 08/11/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Regime agevolato impatriati (art. 16 D.Lgs. 147/2015)

Regime agevolato impatriati (art. 16 D.Lgs. 147/2015)

― 27 Ottobre 2022

I redditi di lavoro dipendente, i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e i redditi di lavoro autonomo prodotti in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio dello Stato ai sensi dell'articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.

Leggi tutto
Esenzione  IMU per i coniugi con residenze diverse

Esenzione IMU per i coniugi con residenze diverse

― 21 Ottobre 2022

Arriva l’esenzione Imu “estesa” per i coniugi che hanno la dimora abituale in due abitazioni differenti site nello stesso Comune o in Comuni diversi.

Leggi tutto
Bonus 200 euro per partite IVA

Bonus 200 euro per partite IVA

― 15 Settembre 2022

Le domande per l'indennità una tantum di 200 euro per autonomi e professionisti potranno essere presentate non prima del 20 settembre e sino al 30 novembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci