PERDITE PRO QUOTA NELLE SAS

― 24 Luglio 2014

Nelle società di persone le perdite vengono attribuite per trasparenza ai soci in base alla quota detenuta. La compensazione può avvenire solo sui redditi d’impresa se la società che ha attribuito le perdite è in contabilità ordinaria, con riporto a nuovo dell’eccedenza non utilizzata nei periodi d’imposta successivi non oltre il quinto. Se, invece, la società che attribuisce le perdite adotta il regime di contabilità semplificata, il socio potrà utilizzare il dato negativo per compensare qualunque reddito di periodo ma senza poter riportare a nuovo l’eccedenza. Sono le regole fissate dall’art.8 Tuir che incontrano due casi particolari: le società in accomandita semplice (Sas) e la trasformazione regressiva (da società di capitali a società di persone). Le perdite generate da una società in accomandita vengono imputate ai soci rispettando il principio della quota percentuale di partecipazione agli uti¬li. Ai soci accomandanti potrà essere attribuita solo una parte di perdita nel limite di capienza della quota di capi¬tale sociale. Resta però da chiarire se il riferimento al capitale sociale vada inteso in senso letterale, oppure non si debba intendere come quota di patrimonio netto, come sembrerebbe più ragionevole. Nella trasformazione regressiva vi può essere un “monte” perdite pregresse non utilizzate che non sono attribuibili automaticamente ai soci come accade per le perdite di periodo. Tali perdite abbattono il reddito della società fino a capienza e l’eventuale eccedenza viene riportata a nuovo (Risoluzione n.60/E/05). Con la nuova disciplina dell’art.84 del Tuir, anche la società di persone (ex società di capitali) dovrà applicare il tetto dell’80% come limite massimo di compensazione della perdita, riportando a nuovo (senza limiti di tempo) l’eccedenza ed escludendo qualunque attribuzione ai soci di perdite pregresse della società di capitali. Naturalmente se la società di capitali avrà con¬seguito perdite nei primi tre esercizi dalla costituzione, l’utilizzo da parte della società post trasformazione sarà integrale senza tetto dell’80% del reddito. La conferma arriva dalla Circolare n.53/E/11 nel passaggio (paragrafo 1.4).


(Il Sole 24 Ore del 21 luglio 2014 – Paolo Meneghetti pag. 20)

Monza e Brianza – Desio 24/07/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Fuoriuscita dal Regime forfettario e recupero dell’IVA non detratta

Fuoriuscita dal Regime forfettario e recupero dell’IVA non detratta

― 7 Dicembre 2023

La fuoriuscita dal regime forfettario durante l’anno, per il superamento del limite dei 100mila euro di ricavi o di compensi incassati, consente di recuperare l’Iva non detratta in vigenza del regime forfettario per le giacenze di magazzino, i canoni di leasing a cavallo dei due regimi e i beni strumentali…

Leggi tutto
Differimento e rateizzazione secondo acconto per persone fisiche titolari di partita IVA

Differimento e rateizzazione secondo acconto per persone fisiche titolari di partita IVA

― 23 Ottobre 2023

L'articolo 4 del DL n.145 del 18 ottobre 2023 ha differito al 16 gennaio 2024 i termini di versamento della seconda rata degli acconti d'imposta dovuti in base al modello Redditi 2023.

Leggi tutto
Stretta sugli impatriati dal 2024

Stretta sugli impatriati dal 2024

― 18 Ottobre 2023

Cambia tutto per gli impatriati. Dall’anno prossimo spariranno le attuali agevolazioni e debutterà un nuovo regime di favore, con una stretta sui requisiti d’accesso.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci