PAGAMENTI PA, PROCEDURA D’INFRAZIONE UE

― 4 Febbraio 2014

 Nulla è cambiato. Anzi in qualche caso la situazione peggiora pure. La nostra Pa si conferma il peggiore pagatore in Europa: ci mette almeno 6-7 mesi per saldare le sue fatture – contro i 30 giorni che ci ha imposto l’Ue – e a volte supera abbondantemente i mille giorni, imponendo in alcuni casi alle imprese anche clausole “illegali” come la rinuncia agli interessi di mora. E così Bruxelles, dopo tanti annunci, ha deciso di passare ai fatti: ieri è partito l’iter per la procedura di infrazione per la violazione della direttiva Ue sui tempi di pagamento che obbli­ga appunto ogni Pa a pagare entro un mese (60 giorni per le Asl e per casi specifici). Adesso l’Italia avrà 5 setti­mane di tempo per rispondere alle contestazioni sul mancato rispetto delle norme europee. E se la risposta del nostro Governo non sarà soddisfacente si procederà con la messa in mora, il primo step ufficiale della procedura d’infrazione. Che potrà tradursi, alla fine del suo iter, nell’obbligo di pagare una multa. Un costo, questo della sanzione Ue, a cui si deve aggiungere quello più salato – previsto dal D.Lgs. n.231/12 che ha recepito la diret­tiva – che obbliga ogni Pa ritardataria a sborsare l’8,25% di interessi di mora sulle sue fatture: questo significa che il conto finale rischia di lievitare fino a raggiungere, secondo prime stime, i 3-4 miliardi di spesa in più in un anno. La conferma che l’Italia sia finita formalmente nel mirino di Bruxelles è arrivata dal vice presidente Ue e commissario all’industria, Antonio Tajani.

(Il Sole 24 Ore del 4 febbraio 2014 – Marzio Bartoloni pag. 4)

 

 

Monza e Brianza – Desio 04/02/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto
Dal 1 ottobre 2020 il PIN INPS “va in pensione”

Dal 1 ottobre 2020 il PIN INPS “va in pensione”

― 3 Settembre 2020

A decorrere dall'1 ottobre 2020 l'INPS ha annunciato che non saranno più rilasciati PIN per l'accesso ai servizi dell'Istituto. Il PIN sarà sostituito da SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Leggi tutto
Tetti di spesa, limiti alle unità immobiliari, cessione del credito: le regole definitive del superbonus 110%

Tetti di spesa, limiti alle unità immobiliari, cessione del credito: le regole definitive del superbonus 110%

― 29 Agosto 2020

Professionisti e imprese hanno a disposizione il testo definitivo del superbonus del 110 per cento.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci