NOVITA’ IMU 2013

― 9 Maggio 2013

Recentemente il MEF è intervenuto per fornire alcuni chiarimenti relativamente alle novità apportate alla disciplina dell’IMU e della TARES dal Decreto c.d. “Sblocca debiti”.

Con particolare riguardo all’IMU, è stato precisato che il nuovo termine di presentazione della dichiarazione, fissato al 30.6 dell’anno successivo a quello di riferimento, è efficace già a decorrere dagli eventi verificatisi nel 2012. Pertanto, la dichiarazione IMU 2012 va presentata entro l’1.7.2013. Entro tale data, inoltre, è possibile regolarizzare l’eventuale omesso versamento dell’IMU 2012.

Il nuovo termine, ora fisso, ha sostituito quello (“mobile”) individuato entro 90 giorni dal verificarsi dei suddetti eventi. Di fatto, quindi, i contribuenti dispongono di un maggior termine per la presentazione della dichiarazione IMU.

In particolare, la previsione di un termine fisso di presentazione della dichiarazione comporta che ai fini del ravvedimento operoso dell’omesso versamento va considerato il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno in cui la violazione è stata commessa (come avveniva per l’ICI), e non invece il termine di 1 anno dalla violazione.

In caso di ravvedimento:

–         la sanzione è ridotta ad 1/8 del minimo, ossia al 3,75% (30% x 1/8) se la regolarizzazione degli errori / omissioni è effettuata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale la violazione è stata commessa;

–         la sanzione è ridotta ad 1/10 del minimo (dal 100% al 200% dell’imposta, con un minimo di € 51) per l’omessa presentazione della dichiarazione, se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a 90 giorni, ossia entro il 30.9.2013 (il 28.9 cade di sabato). Di conseguenza la sanzione ridotta è pari al 10% (100% x 1/10), con un minimo di € 5 (51 x 1/10).

 Il DL n. 35/2013 è intervenuto anche sulla decorrenza dell’efficacia della deliberazione comunale di approvazione delle aliquote / detrazione nonché dei regolamenti dell’imposta, fissandola dalla data di pubblicazione degli stessi sul sito Internet del Ministero delle Finanze. A tale fine, dal 2013, il Comune deve inviare, esclusivamente con modalità telematica, la deliberazione / regolamento per la relativa pubblicazione sul predetto sito entro date differenziate, aventi effetto sul versamento della prima e seconda rata dell’IMU.

 Di conseguenza, con particolare riferimento ai versamenti da effettuare nel 2013, la pubblicazione delle delibere / regolamenti dovrà essere effettuato:

–         entro il 16.5.2013 per avere effetto sulla determinazione della prima rata, il cui versamento va effettuato entro il 17.6.2013 (il 16.6 cade di domenica). In caso di mancata pubblicazione entro la predetta data, la prima rata è determinata in misura pari al 50% dell’IMU dovuta sulla base delle aliquote / detrazione dell’anno precedente;

entro il 16.11.2013 per avere effetto per la determinazione della seconda rata il cui versamento va effettuato entro il 16.12.2013, a saldo di quanto dovuto per l’intero anno. In caso di mancata pubblicazione entro la predetta data “si applicano gli atti pubblicati entro il 16 maggio dell’anno di riferimento oppure, in mancanza, quelli adottati per l’anno precedente”.

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci