MINI IMU , GRANDE CONFUSIONE

― 14 Gennaio 2014

A dieci giorni dalla scadenza della mini-Imu l’incertezza regna sovrana. Tra i sindaci e di conseguenza tra i con­tribuenti dei 2.390 comuni interessati al versamento del nuovo obolo (il 40% della differenza tra l’imposta base e quella, con aliquota maggiorata, che si sarebbe dovuta pagare nel 2013) a cui gli italiani sono stati chiamati perché il governo non è riuscito a trovare le risorse necessarie per eliminare del tutto l’imposta. anche sulla riscossione dei micro-versamenti ognuno fa da sé. Perché, fermo restando l’importo minimo di 12 euro stabilito dalla legge, i comuni possono decidere di derogare tale soglia. Come riferisce la Consulta dei Caf già moltissimi comuni avrebbero deliberato di riscuotere anche gli importi sotto i 12 euro. Il problema della dead line per il pagamento rischia però di diventare particolarmente spinoso. Perché qui si combattono due tesi contrapposte originate da una norma della legge di stabilità 2014 (art.1, co.728 della L. 147/13) che ha prorogato proprio alla data di versamento dell’acconto Imu 2014 (16 giugno) il termine per regolarizzare i versamenti tardivi o parziali della seconda rata Imu 2013 senza il pagamento di interessi e sanzioni. Secondo alcuni questa sanatoria si ap­plicherebbe anche alla mini-Imu. E così ragionano i sindaci che in queste ore stanno annunciando che non chia­meranno alla cassa i contribuenti nel mese di gennaio. La tesi opposta è invece quella sostenuta dal governo.

(Italia Oggi del 14 gennaio 2014 – Francesco Cerisano e Matteo Barbero pag. 23)

 

 

Monza e Brianza – Desio 14/01/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edicole

Bonus edicole

― 1 Ottobre 2020

Nell'ambito del c.d. "Decreto Rilancio" (art. 189, comma 1, DL n.

Leggi tutto
Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci