MARCA DA BOLLO SU FATTURE SENZA IVA

― 9 Maggio 2014

Va applicata la marca da bollo da 2 euro sulle fatture senza Iva di importo superiore a 77,47 euro. Occorre farlo all’atto di emettere il documento, nell’esemplare da consegnare al cliente. Anche se in sede di control­lo sarebbe più semplice esibire tutte le marche da bollo appiccicate in tutte le fatture emesse ed archiviate, questa pratica è errata: la norma parla di documenti «spediti e consegnati» (o di ricevute «rilasciate dal cre­ditore»). Anche se l’obbligo di apporre la marca da bollo sulle fatture o sulle ricevute «è a carico del soggetto che forma i predetti documenti e, quindi, li consegna o spedisce» (risoluzione n. 444/E/08), sono solidalmen­te obbligati a pagare l›imposta, oltre che delle eventuali sanzioni amministrative, tutte le parti che sottoscri­vono, ricevono, accettano o negoziano atti, documenti o registri non in regola con l’imposta di bollo (art.22, d.P.R. 642/72). Se nel documento manca il bollo, chi lo riceve è esente da responsabilità solo se lo presen­ta entro 15 giorni all’Ufficio del registro e provvede a pagare la sola imposta dovuta. In tal caso, la sanzione colpisce solo chi doveva applicare il bollo in origine. Se la spesa principale è detraibile o deducibile ai fini Ir­pef (ad esempio, le fatture per visite, analisi e ricoveri), il contribuente che ha regolarizzato la marca da bol­lo può considerarla accessoria al costo principale e può detrarla o dedurla. In generale, le fatture spedite e consegnate, oltre che le ricevute rilasciate dal creditore sono soggette «fin dall’origine» all’imposta di bollo di 2 euro (DM 24 maggio 2005; prima del 1° giugno 2005 era di 1,29 euro e prima del 26 giugno 2013 era di 1,81 euro). Sono esenti dall’imposta di bollo, però, se assoggettate a Iva (art.6, tabella, allegato B, d.P.R. 642/72). Infine, se la fattura (o la ricevuta) riporta sia importi assoggettati ad Iva sia importi non assoggettati, si applica il bollo, se questi ultimi superano i 77,47 euro (art.13, tariffa, allegato A, d.P.R. 642/72). Sono esenti dall’imposta di bollo, invece, le quietanze degli stipendi, pensioni, paghe, assegni, premi, indennità e compe­tenze di qualunque specie relative a rapporti di lavoro subordinato (art.26, tabella, allegato B, d.P.R. 642/1972).

(Il Sole 24 Ore del 9 maggio 2014 – Luca De Stefani pag. 40)

 

 

Monza e Brianza – Desio 09/05/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Niente indennità di maggio per le nuove partite IVA in gestioni separata

Niente indennità di maggio per le nuove partite IVA in gestioni separata

― 8 Luglio 2020

L’indennità di mille euro introdotta dal decreto legge 34/2020 per le partite Iva iscritte alla gestione separata Inps non viene riconosciuta a chi ha avviato l’attività dopo aprile 2019 e di conseguenza non ha la possibilità di dimostrare un calo di almeno il 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto al…

Leggi tutto
ISEE Caf: dove farlo? Studio Fontana è il Caf CGN più vicino a te!

ISEE Caf: dove farlo? Studio Fontana è il Caf CGN più vicino a te!

― 26 Giugno 2020

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali agevolate.

Leggi tutto
Definite le modalità di richiesta / utilizzo del “ Tax credit vacanze”

Definite le modalità di richiesta / utilizzo del “ Tax credit vacanze”

― 26 Giugno 2020

Tra le misure adottate per sostenere il comparto turistico / alberghiero, l’art. 176 del citato Decreto ha introdotto, per il 2020, una specifica agevolazione, c.d. “Tax credit vacanze”, utilizzabile presso le strutture ricettive nazionali.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci