IVAFE E QUADRO RW

― 28 Marzo 2014

La reintroduzione del limite di 10mila euro per la segnalazione nel quadro RW – motivato dalla necessità di escludere dall’obbligo di segnalazione i rapporti di conto corrente di ammontare non rilevante – sembrerebbe, di fatto, complicare il quadro normativo nella misura in cui genera un doppio binario tra monitoraggio fisca­le (quadro RW di Unico) e liquidazione dell’imposta patrimoniale sulle attività finanziarie detenute all’estero (Ivafe). La modifica, qualora non preveda un regime transitorio, costringerà i tecnici delle Entrate a rivedere, a stagione dichiarativa inoltrata, i modelli di dichiarazione e le relative istruzioni che sono già stati approvati, con conseguenti ritardi anche nell’aggiornamento dei software utilizzati dai professionisti per la predisposizione del­le dichiarazioni dei redditi. Il D.L. 4/2014, nella sua formulazione emendata, circoscrive l’esonero da RW ai soli conti correnti e depositi di valore inferiore a 10mila, mentre per l’Ivafe l’esclusione si applica ai conti correnti e ai libretti di risparmio con una giacenza annua inferiore a 5mila euro. Le differenze rispetto alle due previsioni di esclusione sono evidenti e gli obblighi di pagamento dell’imposta patrimoniale costringeranno comunque il contribuente a riportare nel quadro RW importi astrattamente rientranti nell’esonero del monitoraggio. L’in­tenzione del legislatore di semplificare il sistema con l’emendamento in commento sembrerebbe, quindi, non essere pienamente realizzata e rischia, invece, di creare ulteriori difficoltà sia agli operatori sia all’Agenzia delle Entrate che sarà probabilmente costretta a intervenire nuovamente sui modelli di dichiarazione e sulle relative istruzioni.

(Il Sole 24 Ore del 28 marzo 2014 – Michela Magnani e Alessio Vignarelli pag. 41)

 

 

Monza e Brianza – Desio 28/03/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Forfettari e concordato preventivo biennale

Forfettari e concordato preventivo biennale

― 19 Marzo 2024

Tra le novità introdotte in attuazione della Riforma fiscale si riscontra l'introduzione della disciplina del concordato preventivo biennale (CPB) a favore dei "contribuenti di minori dimensioni". L'accesso al concordato, previa adesione alla proposta formulata dall'Agenzia delle Entrate, è riservato non solo ai soggetti ISA ma anche ai contribuenti forfetari.

Leggi tutto
Forfettari e agevolazione contributiva

Forfettari e agevolazione contributiva

― 2 Febbraio 2024

I soli imprenditori individuali che applicano il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, possono beneficiare di una particolare agevolazione contributiva, che consiste nell’applicazione di una riduzione del 35% alla contribuzione ordinariamente dovuta alle Gestioni artigiani e commercianti Inps, sia sulla contribuzione dovuta sul reddito minimo sia per quella dovuta sulla parte di reddito che eccede il minimale.

Leggi tutto
Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

― 29 Gennaio 2024

L’assolvimento del bollo sulle e-fatture va realizzato in maniera elettronica, secondo quanto dispone l’articolo 6 del decreto ministeriale datato 17 giugno 2014. L’imposta viene calcolata e versata per trimestre. Il calendario ordinario dei versamenti risulta tuttavia modificato, per primo e secondo trimestre, tenuto conto del suo ammontare.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci