IL VECCHIO REDDITOMETRO PREMIA GLI INVESTIMENTI

― 21 Novembre 2013

Il “vecchio” redditometro è più favorevole per il contribuente soltanto nella parte relativa alla valutazione del “peso” degli investimenti. Per il resto, il sistema previsto dal nuovo redditometro pare trattare complessivamen­te “meglio” il contribuente. Resta ora da capire se e in che termini il nuovo redditometro possa, ove ritenuto uti­le, essere applicato retroattivamente. Innanzi tutto, è doveroso ricordare che le disposizioni di legge si esprimo­no, oggi, a favore dell’irretroattività del nuovo strumento: il D.L. n.78/10 afferma che le novità introdotte hanno effetto per gli accertamenti relativi ai redditi per i quali il termine di dichiarazione non è ancora scaduto alla data di entrata in vigore del presente decreto (tradotto: dal 2009 in poi), ed il concetto è confermato dall’art.5 DM 24 dicembre 2012 che si riferisce testualmente agli «anni di imposta a decorrere dal 2009». La ratio sottostante alla irretroattività si basa sull’introduzione di un impianto normativo completamente “separato” dal precedente, tale da rendere inagibile il nuovo sul vecchio. Sulla base di queste determinazioni, per inciso, si sono espresse le CTP di Rimini e Reggio Emilia nelle recenti sentenze n.41/2/13 e n.74/2/13 a favore della retroattività del reddi­tometro 2.0. Ma se così è, perché non applicare la stessa logica che caratterizza gli studi di settore? In definitiva, mantenendo valide le differenze normative tipiche delle due versioni (ad esempio, la franchigia tra reddito accertato e quello dichiarato, oggi fissata al 20% contro la precedente, pari al 25%), non parrebbe astruso permettere al contribuente di godere della maggiore efficienza del “nuovo motore” od, in altri termini, delle nuove e migliorate modalità di calcolo del reddito presunto anche per le annualità ante 2009.

(Il Sole 24 Ore del 16 novembre 2013 –  Enrico Holzmiller pag. 21)

 

 

Monza e Brianza – Desio 21/11/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

― 14 Giugno 2022

Per i crediti derivanti da bonus edilizi e relativi alle comunicazioni di opzione (per la cessione o lo sconto in fattura) inviate dal 1° maggio, fornitori e cessionari sono tenuti a comunicare preventivamente tramite la piattaforma cessione crediti la scelta irrevocabile di fruizione in compensazione, con riferimento a ciascuna rata…

Leggi tutto
Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

― 10 Giugno 2022

Andranno presentate all’Inps entro il 30 giugno le domande per l’assegno unico universale recuperando gli arretrati dallo scorso marzo, mese in cui è diventato operativo il sostegno economico alle famiglie introdotto dal Dlgs 230/2021. Per le domande dal 1° luglio, infatti, l’assegno verrà riconosciuto dal mese dopo.

Leggi tutto
IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

― 10 Giugno 2022

A partire dall’acconto Imu di quest’anno, in presenza di coniugi con residenze separate, solo uno dei due immobili potrà beneficiare dell’esenzione per abitazione principale, a scelta dei contribuenti. Non rileva il fatto che le case siano ubicate in comuni diversi o nello stesso comune.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci