IL CUD SPALMA LE DEDUZIONI

― 20 Febbraio 2014

La novità più rilevante del nuovo Cud, in scadenza venerdì 28 febbraio, è l’introduzione della casella 130, in cui il sostituto dovrà esporre quella parte non dedotta nel 2013 di oneri rappresentati (esclusivamente) dalle «somme restituite al soggetto erogatore già tassate in anni precedenti» di cui alla lett.d-bis del co.1 dell’art.10 del Tuir. Tale onere, se dedotto, è indicato unitamente agli altri nel punto 129, mentre l’eventuale quota non dedotta (per esempio a causa di incapienza del reddito) deve essere esposta nel punto 130. L’introduzione di questo punto è legata alla modifica della norma, effettuata dall’articolo 1, comma 174, della legge di stabilità 2014, secondo cui in caso di impossibilità di recuperare nell’anno della restituzione l’intero importo dell’onere deducibile, il re­cupero potrà avvenire anche negli anni successivi o con rimborso da richiedere all’amministrazione finanziaria. Nuova è altresì l’annotazione AC, da utilizzarsi nel caso di rapporto di lavoro iniziato/cessato in corso d’anno se il sostituto d’imposta ha riconosciuto la detrazione per carichi familiari limitatamente al periodo di lavoro, in quanto il lavoratore non ne ha chiesto l’applicazione per l’intero anno. Anche questa annotazione suona come un’avvertenza per il lavoratore di sfruttare la possibilità prevista dall’art.12 del Tuir per fruire in sede di dichia­razione dei redditi delle detrazioni per carichi di famiglia per tutto il periodo di spettanza e non solo in relazione alla durata del rapporto di lavoro. Infine anche quest’anno le istruzioni precisano che la certificazione deve esse­re rilasciata anche per i redditi che, per effetto di specifiche disposizioni normative, sono stati considerati esenti da imposizione. Mentre lo scorso anno in extremis l’amministrazione finanziaria aveva consentito al sostituto di non adeguarsi, quest’anno la regola deve intendersi a regime.

(Il Sole 24 Ore del 20febbraio 2014 – Nevio Bianchi e Barbara Massara pag. 24)

 

 

Monza e Brianza – Desio 20/02/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Decreto Sostegni – ulteriori interventi in materia di riscossione

Decreto Sostegni – ulteriori interventi in materia di riscossione

― 30 Marzo 2021

Pagamento cartelle, avvisi di addebito e accertamenti Differimento al 30 aprile 2021 del termine di sospensione per il versamento delle entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione.

Leggi tutto
Decreto Sostegni – Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

Decreto Sostegni – Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

― 20 Marzo 2021

Contributi a fondo perduto per circa 3 milioni di imprese e professionisti che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato medio mensile rispetto al 2019.

Leggi tutto
730/2021 Obbligo di tracciabilità del pagamento delle spese ai fini della detrazione

730/2021 Obbligo di tracciabilità del pagamento delle spese ai fini della detrazione

― 16 Marzo 2021

I commi 679 e 680 della Legge di Bilancio 2020 , dispongono che, ai fini dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, la detrazione dall'imposta lorda nella misura del 19 % degli oneri spetta a condizione che l'onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili, a decorrere dal…

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci