FABBRICATI MERCE ALLA PROVA TASI

― 30 Settembre 2014

I fabbricati merce, cioè gli immobili invenduti dalle imprese costruttrici, vivono in pieno uno dei paradossi de­terminati dall’incrocio di Imu e Tasi. Esentati dall’Imu in base al D.L. n.102/13, proprio per questo beneficio ve­dono ampliarsi gli spazi della Tasi, che quest’anno può arrivare al 2,5 per mille e nel 2015, senza correttivi, può volare addirittura al 10,6 per mille. Spazi che i Comuni sono stati spinti a utilizzare anche perché in molti casi le “compensazioni” statali per il mancato gettito Imu si sono rivelate inferiori al reale peso fiscale di questa tipolo­gia di immobili. Le imprese interessate, quindi, devono spulciare le delibere comunali alla ricerca della corretta aliquota da applicare, stando attente a molte variabili: il Comune può aver infatti deciso un’aliquota ad hoc sui fabbricati-merce, anche più alta rispetto alla Tasi attribuita agli altri immobili perché in questo caso non scatta appunto il vincolo legato alla somma di Imu e Tasi, oppure può applicare ai fabbricati merce l’aliquota generica scelta per la categoria catastale o, in modo ancor più generalizzato, per gli immobili diverse dalle abitazioni prin­cipali. Per quanto riguarda la possibilità di ravvedere l’omesso versamento del saldo Imu 2013, la soluzione non è pacifica. Il ministero ha ritenuto, nella Circolare 1/DF/2013, che la dichiarazione Imu è “periodica”, e quindi l’o­messo versamento del saldo Imu 2013 poteva essere ravveduto al massimo entro il 30 giugno 2014. Ciò implica che se il contribuente effettua comunque un versamento oltre tale termine, questo non potrà considerarsi come ravvedimento ma andrà qualificato come tardivo versamento, soggetto alla sanzione del 30%.

(Il Sole 24 Ore del 30 settembre 2014 – Pasquale Mirto pag. 47)

Monza e Brianza – Desio 30/09/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci