F24 SOLO ON LINE DAL PRIMO OTTOBRE

― 17 Settembre 2014

Tra le principali novità del D.L. 66/2014 (convertito con la Legge 89/2014) vi è sicuramente la norma contenuta nell’art. 11 del decreto in materia di modello F24 che stabilisce che:

“ A decorrere dal 1° ottobre 2014, fermi restando i limiti già previsti da altre disposizioni vigenti in materia, i versamenti di cui all’art. 17 del D.Lgs 241/1997, sono eseguiti:

  • esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate, nel caso in cui, per effetto delle compensazioni effettuate, il saldo finale sia di importo pari a zero;
  • esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui siano effettuate delle compensazioni e il saldo finale sia di importo positivo;
  • esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui il saldo finale sia di importo superiore a mille euro”.

Sostanzialmente a partire dal 1° ottobre sono state ampliate le ipotesi nelle quali è obbligatoria la presentazione telematica del modello F24: per i soggetti titolari di partita IVA tale adempimento è già in vigore dal 1 gennaio 2007, pertanto la norma estende tale obbligo anche ai soggetti non titolari di partita IVA con esclusione degli F24 con saldo a debito inferiore ad euro 1.000 senza utilizzo di crediti in compensazione.

Sono tre le situazioni che la nuova norma va a modificare:

  1. la presentazione di modelli F24 con utilizzo di crediti in compensazione ma a saldo zero;
  2. la presentazione di modelli F24 con utilizzo di crediti in compensazione ma a saldo a debito;
  3. la presentazione di modelli F24 senza l’utilizzo di crediti in compensazione con saldo a debito superiore ad euro 1.000.

Ai sensi del comma 2 lettera a) dell’art. 11 del D.L. 66/2014, a decorrere dal 1° ottobre 2014 tutti i modelli F24, il cui saldo finale sia pari a zero per effetto delle compensazioni effettuate, di contribuenti titolari di partita IVA e non titolari di partita dovranno essere presentati esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate ovvero:

  • F24 online o F24 web: a questi servizi possono aver accesso tutti i soggetti (titolari o non titolari di partita IVA) registrati presso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline); per poterli utilizzare invece è necessario disporre di un conto corrente presso una banca convenzionata con l’Agenzia delle Entrate o presso la Posta. Con la modalità F24 web è possibile trasmettere i modelli F24 senza la necessità di avere alcun software specifico, mentre con la modalità F24  online è necessario utilizzare per la trasmissione l’apposito software;
  • F24 cumulativo: in alternativa ai servizi Entratel o Fisconline è possibile effettuare la presentazione dei modelli f24 a saldo zero per mezzo di un intermediario abilitato (dottori commercialisti, consulenti del lavoro , esperti contabili, CAF…) a sua volta abilitato al servizio Entratel per le trasmissioni dei modelli per conto dei clienti.

Ai sensi del comma 2 lettera b) dell’art. 11 del D.L. 66/2014, a decorrere dal 1° ottobre 2014 tutti i modelli F24, il cui saldo finale sia a debito e con l’utilizzo in compensazione di crediti, di contribuenti titolari di partita IVA e non titolari di partita dovranno essere presentati esclusivamente mediante:

  • i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (F24 web, F24 online, F24 cumulativo);
  • i servizi forniti dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa Agenzia, attraverso l’utilizzo del servizio di home/remote banking di banche o Poste.

Infine, ai sensi del comma 2 lettera c) dell’art. 11 del D.L. 66/2014, a decorrere dal 1° ottobre 2014 tutti i modelli F24, senza utilizzo di compensazioni, il cui saldo finale sia di importo superiore ad euro 1.000, di  contribuenti titolari di partita IVA e non titolari di partita, dovranno essere presentati esclusivamente mediante:

  • i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate (F24 web, F24 online, F24 cumulativo);
  • i servizi forniti dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa Agenzia, attraverso l’utilizzo del servizio di home/remote banking di banche o Poste.

Come si evince dalla tabella sotto riportata l’unica situazione in cui è ancora ammessa la presentazione del modello F24 “cartaceo” si ha nel caso di un contribuente privato con modello F24, senza compensazioni, a debito per un importo inferiore a 1.000 euro:

 

Tabella riepilogativa in pdf

 

Monza e Brianza – Desio 17/09/2014

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

― 14 Giugno 2022

Per i crediti derivanti da bonus edilizi e relativi alle comunicazioni di opzione (per la cessione o lo sconto in fattura) inviate dal 1° maggio, fornitori e cessionari sono tenuti a comunicare preventivamente tramite la piattaforma cessione crediti la scelta irrevocabile di fruizione in compensazione, con riferimento a ciascuna rata…

Leggi tutto
Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

― 10 Giugno 2022

Andranno presentate all’Inps entro il 30 giugno le domande per l’assegno unico universale recuperando gli arretrati dallo scorso marzo, mese in cui è diventato operativo il sostegno economico alle famiglie introdotto dal Dlgs 230/2021. Per le domande dal 1° luglio, infatti, l’assegno verrà riconosciuto dal mese dopo.

Leggi tutto
IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

― 10 Giugno 2022

A partire dall’acconto Imu di quest’anno, in presenza di coniugi con residenze separate, solo uno dei due immobili potrà beneficiare dell’esenzione per abitazione principale, a scelta dei contribuenti. Non rileva il fatto che le case siano ubicate in comuni diversi o nello stesso comune.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci