ERRORI IMU SENZA SANZIONI

― 18 Dicembre 2013

Chi è stato puntuale nel pagare entro ieri l’Imu su seconde case, negozi e capannoni ma si è perso nella giran­dola delle aliquote locali avrà tempo per rimediare entro il 16 giugno 2014, data di versamento dell’acconto Imu dell’anno prossimo, senza dover pagare interessi e sanzioni. In via di slittamento, poi, c’è anche la «mini-Imu», prevista a carico dei contribuenti che abitano nei Comuni dove l’aliquota per l’abitazione principale è superiore al 4 per mille, e soprattutto della maggiorazione Tares, l’una tantum statale da 30 centesimi al metro quadrato che interessa sia inquilini sia proprietari. Il correttivo approvato a Montecitorio, insomma, prova a cancellare gli effetti collaterali di un caos da record che ha circondato fino all’ultimo le regole dell’Imu, e intende venire incontro a chi comunque ha pagato anche se ha sbagliato cifra: per loro c’è tempo di rimediare fino al 16 giugno, perché è vero che la prima rata Iuc (la nuova imposta locale che unirà Tasi, Tari e Imu) andrà stabilita dal rego­lamento comunale, ma il calendario dell’imposta sul mattone rimane invariato e quindi il richiamo al prossimo appuntamento rimanda al 16 giugno.

(Il Sole 24 Ore del 17 dicembre 2013 – Gianni Trovati pag. 4)

 

 

Monza e Brianza – Desio 18/12/2013

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci