Definite le modalità di richiesta / utilizzo del “ Tax credit vacanze”

― 26 Giugno 2020

Nell’ambito del DL n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio”, sono state introdotte specifiche misure di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica COVID-19.

Tra le misure adottate per sostenere il comparto turistico / alberghiero, l’art. 176 del citato Decreto ha introdotto, per il 2020, una specifica agevolazione, c.d. “Tax credit vacanze”, utilizzabile presso le strutture ricettive nazionali.

Recentemente, con il Provvedimento 17 giugno 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fissato le modalità attuative per beneficiare della predetta agevolazione, dopo aver ottenuto il “via libera” da parte del Garante della Privacy.

In particolare, i soggetti interessati devono utilizzare una specifica app gestita da PagoPA spa, denominata “IO”, tramite la quale è generato un codice univoco e un QR-code necessari per fruire dell’agevolazione. A tal fine, il beneficiario deve essere in possesso di un’identità SPID o della Carta d’identità elettronica (CIE).

Soggetti beneficiari dell’agevolazione

L’agevolazione in esame spetta, per il 2020, a favore dei nuclei familiari con un ISEE in corso di validità, ordinario / corrente non superiore a euro 40.000, per il pagamento dei servizi offerti in ambito nazionale da:

  • imprese turistiche ricettive;
  • agriturismi;
  • bed & breakfast; in possesso dei titoli prescritti dalla normativa nazionale e regionale per l’esercizio dell’attività turistico ricettiva.

Misura dell’agevolazione

Come previsto dal citato art. 176, il credito, utilizzabile da un solo componente per nucleo familiare, spetta nella misura massima di:

  • euro 500 per i nuclei familiari composti da più di 2 persone;
  • euro 300 per i nuclei familiari composti da 2 persone;
  • euro 150 per quelli composti da 1 sola persona.

Tale credito è fruibile nella misura:

  • del 80% in forma di sconto sul corrispettivo dovuto;
  • del 20% in forma di detrazione d’imposta in sede di dichiarazione dei redditi relativa al 2020 (mod. 730 / REDDITI 2021).

 Al fine del riconoscimento del credito, a pena di decadenza:

  • le spese devono essere sostenute in un’unica soluzione in relazione ai servizi resi da una singola impresa turistico ricettiva, da un singolo agriturismo / bed & breakfast;
  • il totale del corrispettivo deve essere documentato da fattura elettronica / documento commerciale / scontrino o ricevuta fiscale nel quale va indicato il codice fiscale del soggetto fruitore del credito;
  • il pagamento del servizio deve essere corrisposto senza l’ausilio / intervento / intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator.
Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

― 14 Giugno 2022

Per i crediti derivanti da bonus edilizi e relativi alle comunicazioni di opzione (per la cessione o lo sconto in fattura) inviate dal 1° maggio, fornitori e cessionari sono tenuti a comunicare preventivamente tramite la piattaforma cessione crediti la scelta irrevocabile di fruizione in compensazione, con riferimento a ciascuna rata…

Leggi tutto
Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

― 10 Giugno 2022

Andranno presentate all’Inps entro il 30 giugno le domande per l’assegno unico universale recuperando gli arretrati dallo scorso marzo, mese in cui è diventato operativo il sostegno economico alle famiglie introdotto dal Dlgs 230/2021. Per le domande dal 1° luglio, infatti, l’assegno verrà riconosciuto dal mese dopo.

Leggi tutto
IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

― 10 Giugno 2022

A partire dall’acconto Imu di quest’anno, in presenza di coniugi con residenze separate, solo uno dei due immobili potrà beneficiare dell’esenzione per abitazione principale, a scelta dei contribuenti. Non rileva il fatto che le case siano ubicate in comuni diversi o nello stesso comune.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci