CONTRIBUENTI MINIMI , COSTI AUTO PIU’ LEGGERI

― 10 Giugno 2014

I contribuenti minimi deducono il 50% dei costi connessi all’utilizzo dei mezzi di trasporto, e non il 20% come la generalità delle imprese e dei lavoratori autonomi. È questa una delle numerose differenze che contraddi­stinguono il regime dei contribuenti minimi rispetto a quello ordinario, ragion per cui è opportuno evidenziare le principali caratteristiche dello stesso, con particolare riguardo alle peculiarità che lo contraddistinguono. In primo luogo, oltre a ricordare che il reddito dei soggetti in questione è determinato per «cassa», è opportuno segnalare che per i professionisti i compensi devono essere dichiarati al netto dei contributi previdenziali o assi­stenziali addebitati al cliente, a eccezione dei soggetti iscritti alla gestione separata Inps, per i quali il contributo del 4% addebitato ai committenti è parte integrante del compenso professionale, come confermato anche dalle istruzioni al quadro LM del modello Unico. Tale contributo alla gestione separata, costituendo parte integrante del compenso ed in assenza di chiarimenti ufficiali da parte dell’Agenzia, dovrebbe quindi concorrere alla for­mazione del plafond di 30 mila euro, quale limite massimo di componenti positivi per mantenere la qualifica di contribuente minimo. La seconda questione attiene alle plusvalenze derivanti dalla cessione di beni strumentali, per la cui determinazione è necessario distinguere le seguenti fattispecie: per i beni acquisiti nel corso del regi­me agevolato, la plusvalenza è pari al corrispettivo percepito derivante dalla cessione (a fronte della deduzione per cassa dell’intero costo nell’esercizio in cui è avvenuto l’acquisto); per i beni acquisiti prima dell’ingresso nel regime agevolato, la plusvalenza è determinata in base alla differenza tra corrispettivo conseguito ed il costo non ammortizzato risultante alla fine dell’esercizio precedente a quello dell’ingresso nel regime (circolare n. 73/E/07 e circolare n. 13/E/08).

(Italia Oggi 7 del 9 giugno 2014 – Sandro Cerato pag. 10)

 

 

Monza e Brianza – Desio 10/06/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Forfettari e agevolazione contributiva

Forfettari e agevolazione contributiva

― 2 Febbraio 2024

I soli imprenditori individuali che applicano il regime forfetario, di cui alla L. 190/2014, possono beneficiare di una particolare agevolazione contributiva, che consiste nell’applicazione di una riduzione del 35% alla contribuzione ordinariamente dovuta alle Gestioni artigiani e commercianti Inps, sia sulla contribuzione dovuta sul reddito minimo sia per quella dovuta sulla parte di reddito che eccede il minimale.

Leggi tutto
Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

Imposta di bollo sulle Fatture elettroniche

― 29 Gennaio 2024

L’assolvimento del bollo sulle e-fatture va realizzato in maniera elettronica, secondo quanto dispone l’articolo 6 del decreto ministeriale datato 17 giugno 2014. L’imposta viene calcolata e versata per trimestre. Il calendario ordinario dei versamenti risulta tuttavia modificato, per primo e secondo trimestre, tenuto conto del suo ammontare.

Leggi tutto
Flat tax incrementale per il 2023

Flat tax incrementale per il 2023

― 29 Gennaio 2024

La precedente legge di Bilancio (legge 197/2022) ha previsto la cosiddetta “flat tax incrementale” che, per il solo anno 2023 e nel rispetto di specifiche condizioni, permetterà alle persone fisiche l’applicazione di una imposta sostitutiva del 15% sugli incrementi di reddito conseguiti nel 2023 rispetto al triennio precedente e al…

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci