COMPENSO AMMINISTRATORE ENTRO IL 12 GENNAIO

― 7 Gennaio 2014

È il principio di cassa allargato a stabilire che il compenso amministratore, se pagato entro il 12 gennaio, ma riferito come periodo d’imposta all’anno appena concluso, è da considerare come di competenza dell’anno concluso e non del nuovo anno.

L’art. 95 c.5 del D.P.R. 917-1986 (TUIR) dispone che i compensi spettanti agli amministratori delle società di capitali (art. 73 c. 1) sono deducibili nell’esercizio in cui sono corrisposti.

Dal tenore letterale della disposizione citata, risulterebbe quindi che la deducibilità del compenso dell’amministratore possa avvenire solo con il pagamento entro il 31 dicembre dell’anno.

Fa però da contraltare a tale disposizione la previsione dell’art. 50 comma 1 lettera c)-bis del predetto TUIR, che dispone che sono assimilati ai redditi di lavoro dipendente le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione agli uffici di amministratore di società, associazioni e altri enti con o senza personalità giuridica.

La collocazione dell’art. 50 predetto, all’interno del TUIR, è in corrispondenza del Titolo I che tratta dell’ Imposta sul reddito delle persone fisiche e specificatamente del Capo IV che riguarda i Redditi di lavoro dipendente.

Il successivo art. 52 del TUIR, che si colloca anch’esso all’interno del predetto capo IV del Titolo I, afferma che ai fini della determinazione dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente si applicano le disposizioni dell’art. 51 salvo alcune eccezioni.

Ecco quindi come, normativamente, l’allargamento del periodo di pagamento del compenso amministratore a quello dei redditi di lavoro dipendente si collega all’art. 51, che considera percepiti nel periodo d’imposta anche le somme e i valori in genere corrisposti dai datori di lavoro entro il giorno 12 del mese di gennaio del periodo d’imposta successivo a quello cui si riferiscono.

La ratio della disposizione è di equilibrio all’interno del sistema fiscale, in quanto fa coincidere il periodo d’imposta in cui i compensi sono assoggettati a tassazione in capo all’amministratore con quello in cui gli stessi sono dedotti dal reddito dell’erogante.

In tal modo, si realizza quindi la piena simmetria nella tassazione propria di entrambi i soggetti (società ed amministratore).

Quanto sopra esposto vale non solo per i compensi degli amministratori delle società di capitali, (art. 73 c. 1 del TUIR) ma anche per quelli delle società in nome collettivo ed in accomandita semplice, stante il richiamo operato dall’art. 56 comma 1 del TUIR.

 

 

Monza e Brianza – Desio 07/01/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

Bonus edilizi – compensazioni da comunicare in anticipo

― 14 Giugno 2022

Per i crediti derivanti da bonus edilizi e relativi alle comunicazioni di opzione (per la cessione o lo sconto in fattura) inviate dal 1° maggio, fornitori e cessionari sono tenuti a comunicare preventivamente tramite la piattaforma cessione crediti la scelta irrevocabile di fruizione in compensazione, con riferimento a ciascuna rata…

Leggi tutto
Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

Assegno Unico Universale – domande entro il 30 giugno per ottenere gli arretrati

― 10 Giugno 2022

Andranno presentate all’Inps entro il 30 giugno le domande per l’assegno unico universale recuperando gli arretrati dallo scorso marzo, mese in cui è diventato operativo il sostegno economico alle famiglie introdotto dal Dlgs 230/2021. Per le domande dal 1° luglio, infatti, l’assegno verrà riconosciuto dal mese dopo.

Leggi tutto
IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

IMU 2022 – Nuove regole sulle case coniugali

― 10 Giugno 2022

A partire dall’acconto Imu di quest’anno, in presenza di coniugi con residenze separate, solo uno dei due immobili potrà beneficiare dell’esenzione per abitazione principale, a scelta dei contribuenti. Non rileva il fatto che le case siano ubicate in comuni diversi o nello stesso comune.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci