Commercio elettronico

― 22 Gennaio 2021

L’e-commerce rappresenta una reale opportunità di sviluppo ed un concreto strumento per il miglioramento della competitività per le imprese, soprattutto in questo difficile momento.

Il commercio elettronico mediante internet può prevedere la cessione di beni materiali o immateriali con modalità telematiche che consentono il pagamento degli importi e l’esecuzione dell’ordine, ovvero il download dei contenuti acquistati (testi, immagini, filmati, brani musicali, software).

Devono, pertanto, essere distinte le seguenti due tipologie di commercio elettronico:

commercio elettronico indiretto: si riferisce alla cessione “fisica” di beni materiali, mediante l’utilizzo della “rete” che facilita la conclusione del contratto e ne consente il pagamento del corrispettivo. Il bene, per via della sua materialità e consistenza fisica, viene recapitato usando le vie tradizionali, con il sistema delle vendite per corrispondenza.

Per questo tipo di commercio non sono previste disposizioni specifiche, trattandosi di un sistema che non modifica le regole vigenti per le vendite per corrispondenza, essendo basato su normali operazioni a distanza;

commercio elettronico diretto: consiste nella cessione elettronica di beni virtuali o di servizi quali siti web, programmi, immagini, testi, informazioni, accesso a banche dati, fornitura di musica, film e giochi, etc.. Ai fini IVA tali cessioni costituiscono una prestazione di servizi concretizzandosi nella conclusione di una transazione tramite un download o scarico telematico del prodotto acquistato sotto forma di file digitale contestualmente alla esecuzione del pagamento online.

Il commercio elettronico rivolto nei riguardi del consumatore finale è assimilato al commercio al dettaglio e si applicano pertanto le disposizioni previste per la “vendita per corrispondenza o tramite televisione o altri sistemi di comunicazione”. Per tali fattispecie non è obbligatorio né l’emissione dello scontrino né l’emissione della fattura, a meno che quest’ultima non sia richiesta dal cliente.

Per avviare un’attività di e-commerce è necessario procedere all’apertura della posizione IVA presso l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate e contestualmente all’apertura della partita Iva deve essere effettuata l’iscrizione nel registro delle imprese della Camera di Commercio di competenza e presentare una SCIA presso il comune nel quale verrà svolta l’attività.

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

INPS Artigiani e Commercianti – rinviata la scadenza del 17 maggio

INPS Artigiani e Commercianti – rinviata la scadenza del 17 maggio

― 14 Maggio 2021

Rinviata dal 17 maggio al 20 agosto la scadenza entro cui artigiani e commercianti, iscritti alla relativa gestione previdenziale Inps, devono versare la prima rata dei contributi dovuti sul minimale di reddito.

Leggi tutto
Decreto Sostegni – ulteriori interventi in materia di riscossione

Decreto Sostegni – ulteriori interventi in materia di riscossione

― 30 Marzo 2021

Pagamento cartelle, avvisi di addebito e accertamenti Differimento al 30 aprile 2021 del termine di sospensione per il versamento delle entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione.

Leggi tutto
Decreto Sostegni – Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

Decreto Sostegni – Contributo a fondo perduto per imprese e professionisti

― 20 Marzo 2021

Contributi a fondo perduto per circa 3 milioni di imprese e professionisti che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato medio mensile rispetto al 2019.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci