AUMENTO IMPOSTA DI BOLLO

― 28 Giugno 2013

Nell’ambito di un Decreto contenente, tra l’altro, disposizioni per il contrasto delle emergenze ambientali nonché per il sostegno delle aree colpite dal sisma di maggio 2012 e per la ricostruzione in Abruzzo, recentemente convertito in Legge, è disposto l’aumento dell’imposta di bollo dovuta in misura fissa.

In particolare, a decorrere dal 26/6/2013, passa da € 1,81 a € 2 l’imposta di bollo dovuta sulle fatture relative ad operazioni non soggette ad IVA di importo superiore a € 77,47; l’imposta di bollo stabilita nella misura di € 14,62 aumenta a € 16.

 

Imposta di bollo su libri sociali

 L’imposta di bollo stabilita nella misura fissa di € 14,62 è aumentata a € 16.

Per effetto di quanto previsto dal Decreto in esame, di fatto tutti gli articoli della Tariffa allegata al DPR n. 642/72 che prevedono l’applicazione dell’imposta nella predetta misura di € 14,62 sono modificati e la nuova misura dell’imposta è fissata a € 16. Tale incremento riguarda, ad esempio:

–         gli atti pubblici e relative copie autentiche (ex registrazione contratti di locazione);

–         le scritture private autenticate;

–         l’imposta dovuta per ogni 100 pagine o frazioni (ovvero ogni 2.500 registrazioni o frazioni di esse per la tenuta dei libri su supporti informatici) per la “bollatura” del libro giornale e del libro degli inventari nonché per la vidimazione dei libri sociali di cui all’art. 2421 C.c. (libro delle adunanze e deliberazioni delle assemblee, libro delle adunanze e delle deliberazioni del CdA, libro dei soci ecc.).

Si rammenta che per le imprese individuali e le società di persone l’imposta di bollo dovuta per il libro giornale e il libro degli inventari è maggiorata di ulteriori € 16 e pertanto è complessivamente pari a € 32 (16 x 2).

  

Imposta di bollo su fatture, ricevute ecc.

 L’imposta di bollo stabilita nella misura fissa di € 1,81 è aumentata a € 2. Detta imposta è applicabile, in particolare, su:

–         fatture, note, ricevute e quietanze di importo superiore a € 77,47 come previsto dall’art. 13, Tariffa parte I, DPR n. 642/72;

–         ricevute, lettere e ricevute di accreditamento e di altri documenti, come disposto dall’art. 14, Tariffa parte I, DPR n. 642/72.

 Con particolare riguardo alle fatture, si rammenta che, in applicazione del principio dell’alternatività tra l’imposta di bollo e l’IVA, le stesse sono soggette ad imposta di bollo se riferite, ad esempio, ad operazioni esenti da IVA ai sensi dell’art. 10, DPR n. 633/72 ovvero fuori campo IVA.

  

Decorrenza

 I nuovi importi si applicano agli atti formati dal 26/6/2013; diversamente, agli atti formati entro il 25/6/2013 continuano ad applicarsi le misure previgenti, ancorché gli stessi siano sottoposti a ulteriori formalità presso i pubblici uffici successivamente a tale data (è il caso, ad esempio, di un atto di compravendita stipulato il 23/6/2013 ma registrato presso l’Agenzia delle Entrate il 30/6/2013).

Si rammenta che la marca da bollo è costituita da un contrassegno rilasciato, con modalità telematiche, da parte degli intermediari convenzionati con l’Agenzia delle Entrate (tabaccai).

 

 

Monza e Brianza – 28/06/2013

 

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Recupero canone Rai 2021 per bar, ristoranti e alberghi

Recupero canone Rai 2021 per bar, ristoranti e alberghi

― 26 Gennaio 2022

La risoluzione 6/E/2022  ha creato il codice tributo «6958», che consente di “riottenere” sotto forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione in F24 il canone speciale Rai 2021 per cui il primo decreto Sostegni (Dl 41/2021) ha previsto l’esonero.

Leggi tutto
Limite utilizzo del contante: 1.000 euro dal 1 gennaio 2022

Limite utilizzo del contante: 1.000 euro dal 1 gennaio 2022

― 19 Gennaio 2022

A decorrere dall'1 gennaio 2022 scatta la riduzione da 2.000 a 1.000 euro della soglia per il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o valuta estera e la conseguente rimodulazione del minimo edittale delle sanzioni per i trasferimenti del contante in misura superiore al limite.…

Leggi tutto
Prestazioni occasionali – comunicazione preventiva all’Ispettorato del Lavoro

Prestazioni occasionali – comunicazione preventiva all’Ispettorato del Lavoro

― 13 Gennaio 2022

Nell'ambito del c.d. "Decreto Fiscale" il Legislatore ha introdotto un nuovo obbligo di comunicazione a carico dei soggetti che impiegano lavoratori autonomi occasionali finalizzato allo svolgimento di attività di monitoraggio e di contrasto a forme elusive.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci