ANTIRICICLAGGIO, CHIUSURA CONTO CORRENTE

― 23 Aprile 2013

ANTIRICICLAGGIO, CHIUSURA CONTO CORRENTE

Con Provvedimento 3 febbraio 2013, Banca d’Italia ha disposto che, in caso di impossibile completamento dell’adeguata verifica della clientela, il relativo rapporto di conto corrente dovrà essere chiuso e i fondi trasferiti al cliente su altro conto da lui indicato, esclusivamente tramite bonifico bancario, applicando in tal senso le disposizioni già contenute nell’art. 23, comma 1, D.Lgs. n. 231/2007. Inoltre, la causale del bonifico indicherà l’impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica e pertanto la banca ricevente accoglierà il cliente con perplessità.

Si precisa che i contratti bancari di conto corrente si conformano alle disposizioni del Codice civile che sono inderogabili dalle parti, soprattutto se sfavorevoli per il cliente. Pertanto, gli istituti di credito rischiano di dover riscrivere le clausole per le nuove modalità di chiusura del rapporto, poiché le istruzioni violerebbero gli accordi che prevedono la liquidazione anche in contanti.

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci