QUADRO RW PER STUDENTE ALL’ESTERO

― 7 Giugno 2013

La compilazione del quadro RW può riguardare anche i genitori di un figlio temporaneamente all’estero, per motivi di studio, quando nel paese estero si detiene un conto corrente alimentato dalle provviste provenienti dai genitori italiani.

Ai fini della corretta compilazione del quadro RW, la situazione va analizzata sotto due aspetti: la consistenza dell’attività finanziaria estera al 31 dicembre 2012 e i flussi che si sono verificati durante lo stesso 2012.

Ai fini del monitoraggio dei flussi, vanno sommate tutte le operazioni eseguite durante l’anno.
L’esonero alla compilazione del quadro RW per mancato raggiungimento delle soglie che obbligano alla segnalazione, tuttavia, non comporta necessariamente un uguale esonero nella compilazione e nel versamento dell’Ivafe.

In tale caso qualunque sia il saldo del conto corrente e ovunque esso sia detenuto (Paesi Ue o non Ue), il versamento dovuto è pari alla somma fissa di 34,2 euro, importo che va ragguagliato in base alla quota di possesso e ai giorni di detenzione se la giacenza media non supera 5.000 euro.

(Il Sole 24 Ore del 4 giugno 2013, pag. 21)

 

Monza e Brianza, Desio 07/06/2013

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

Entro il 1° ottobre 2020 la comunicazione del domicilio digitale

― 22 Settembre 2020

Entro il 1° ottobre 2020 obbligo per imprese e professionisti di comunicare il proprio domicilio digitale, pena l’irrogazione di sanzioni. L’articolo 37 del decreto legge del 16 luglio 2020 n.

Leggi tutto
Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

Fattura elettronica con maggiori dettagli dal 1° ottobre 2020

― 21 Settembre 2020

Dal 1° ottobre sarà possibile inviare le fatture elettroniche con le nuove codifiche relative alla natura dell’operazione e al tipo documento, mentre dal 2021 queste diventeranno obbligatorie.

Leggi tutto
Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci