AMMINISTRATORI , SUI COMPENSI SERVE LA DELIBERA

― 14 Ottobre 2014

Compensi agli amministratori e delibera autorizzativa dell’assemblea. I compensi agli amministratori devono es­sere autorizzati dai soci. Più correttamente, gli amministratori hanno diritto a essere remunerati in quanto il loro mandato si presume per legge a titolo oneroso, ma la misura del compenso deve essere (preventivamente) de­terminata dall’assemblea, se non è predeterminata dallo statuto. Secondo un certo orientamento è la delibera che attribuisce al compenso il requisito della “certezza”, che è uno dei presupposti per il riconoscimento fiscale del costo. Nella pratica, però, con strutture societarie piccole e a base strettamente familiare, può accadere che questa delibera manchi. Del tema trattano alcune sentenze della Cassazione che hanno apparentemente assunto posizioni contrastanti. La sentenza che ha fatto scuola è quella a Sezioni unite nel 2008 (n. 21933). In questa sentenza, relativa a una controversia civile e non fiscale, è stata affermata la nullità degli atti di auto­determinazione dei compensi da parte degli amministratori, in quanto lesivi del principio imperativo previsto dall’articolo 2389 del Codice civile. Secondo dottrina unanime le Sezioni unite hanno quindi legittimato la ratifica postuma del compenso non deliberato a priori, purché l’assemblea si pronunci nei modi descritti. Alcune recenti decisioni hanno però riaperto il fronte della discussione in quanto sembrano (la prudenza è d’obbligo) orientate ad affermare invece la necessità della preventiva delibera per il riconoscimento della legittimità dei compensi agli amministratori, inibendo di fatto la soluzione della ratifica successiva dell’assemblea (sentenze 5349/2014; 20265/2013 e 17673/2013).

(Il Sole 24 Ore del 13 ottobre 2014 – Gian Paolo Ranocchi pag. 24)

 

 

Monza e Brianza – Desio 13/10/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Niente indennità di maggio per le nuove partite IVA in gestioni separata

Niente indennità di maggio per le nuove partite IVA in gestioni separata

― 8 Luglio 2020

L’indennità di mille euro introdotta dal decreto legge 34/2020 per le partite Iva iscritte alla gestione separata Inps non viene riconosciuta a chi ha avviato l’attività dopo aprile 2019 e di conseguenza non ha la possibilità di dimostrare un calo di almeno il 33% nel secondo bimestre 2020 rispetto al…

Leggi tutto
ISEE Caf: dove farlo? Studio Fontana è il Caf CGN più vicino a te!

ISEE Caf: dove farlo? Studio Fontana è il Caf CGN più vicino a te!

― 26 Giugno 2020

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è lo strumento di valutazione della situazione economica di coloro che richiedono prestazioni sociali agevolate.

Leggi tutto
Definite le modalità di richiesta / utilizzo del “ Tax credit vacanze”

Definite le modalità di richiesta / utilizzo del “ Tax credit vacanze”

― 26 Giugno 2020

Tra le misure adottate per sostenere il comparto turistico / alberghiero, l’art. 176 del citato Decreto ha introdotto, per il 2020, una specifica agevolazione, c.d. “Tax credit vacanze”, utilizzabile presso le strutture ricettive nazionali.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci