COMPENSAZIONE IMPOSTE 2014

― 21 Gennaio 2014

A complicare la gestione finanziaria delle imprese non ci sono solo la crisi e le strette creditizie: si aggiungono nuovi ostacoli alla compensazione dei crediti tributari, per norme sempre più restrittive che, in nome della lotta a chi utilizza crediti inesistenti per pagare tributi reali, finiscono per creare problemi e maggiori oneri a tutte le imprese corrette. La legge di stabilità 2014 (la n.147/13, art.1, co.574) prevede, con effetto già dalle risultanze delle dichiarazioni riguardanti il periodo d’imposta 2013, che i crediti relativi alle imposte sui redditi, alle loro addizionali e imposte sostitutive, alle ritenute alla fonte e all’Irap, per importi superiori a 15.000 euro annui, possono essere compensati orizzontalmente solo se la dichiarazione ha il visto di conformità (art.35, co.1, lett.a del D.Lgs. n.241/97). L’unica alternativa (ma solo per gli enti soggetti al controllo contabile di cui all’art.2409-bis c.c.) è la firma della dichiarazione da parte dell’organo incaricato, che attesta l’esecuzione degli stessi controlli previsti per il “visto”. Per chi compensa violando le nuove regole – se il credito esiste – secondo l’Agenzia delle Entrate (circolare n.1/E/10) c’è la sanzione del 30% del credito indebitamente utilizzato (D.Lgs. n.471/97, art.13). Premesso che chi ha ancora crediti (Irpef, Ires o Irap) 2012 può utilizzarli tranquillamente per qualunque impor­to (ed anzi appare opportuno “smaltirli” prima che si cumulino a quelli del periodo successivo) e che non vi sono ostacoli alla compensazione “verticale” sullo stesso tributo, va osservato che i crediti 2013 superiori a 15.000 possono essere utilizzati, auspicando, tuttavia, l’apposizione di un “visto” che dipende da verifiche che non sono mai state specificate nel dettaglio e che, comunque, comportano per chi attesta una precisa responsabilità in caso di infedeltà (sanzione da 258 a 2.582 euro e, per violazioni ripetute, sospensione della facoltà al rilascio con segnalazione agli Ordini professionali competenti).

(Il Sole 24 Ore del 21 gennaio 2014 – Giorgio Gavelli e Massimo Sirri pag. 17)

 

 

Monza e Brianza – Desio 21/01/2014

Lo Studio Fontana offre assistenza continuativa in ambito contabile, consulenza fiscale, tributaria e gestionale, a privati, professionisti, aziende e condomini. Contattaci per diventare nostro cliente.

News

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

Il credito d’imposta sanificazione si ferma al 15,6% dell’importo comunicato

― 14 Settembre 2020

Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 del direttore dell’agenzia delle Entrate ha definito la percentuale spettante per la determinazione del credito d’imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale da parte dei contribuenti che hanno presentato l’apposita comunicazione entro lo scorso 7 settembre.

Leggi tutto
Dal 1 ottobre 2020 il PIN INPS “va in pensione”

Dal 1 ottobre 2020 il PIN INPS “va in pensione”

― 3 Settembre 2020

A decorrere dall'1 ottobre 2020 l'INPS ha annunciato che non saranno più rilasciati PIN per l'accesso ai servizi dell'Istituto. Il PIN sarà sostituito da SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).

Leggi tutto
Tetti di spesa, limiti alle unità immobiliari, cessione del credito: le regole definitive del superbonus 110%

Tetti di spesa, limiti alle unità immobiliari, cessione del credito: le regole definitive del superbonus 110%

― 29 Agosto 2020

Professionisti e imprese hanno a disposizione il testo definitivo del superbonus del 110 per cento.

Leggi tutto

Vuoi diventare nostro cliente?

Il nostro team è a disposizione per ogni esigenza

Contattaci